Utente 185XXX
Gentili Dottori,
Mia madre di anni 61,e'caduta provocandosi una frattura scomposta del polso sx.
In ps,le hanno consigliato il ricovero per un intervento chirurgico da fare dopo pochi giorni.
dopo due giorni di ricovero,con mia sorpresa,le hanno ingessato il braccio,sostenendo che la frattura(che era stata definita scomposta dall'ortopedico di ps)in realtà nn era cosi impegnativa e poteva essere trattata anche solo con un'ingessatura.
Dopo aver ingessato,ci hanno spiegato che le ossa del polso,potrebbero cmq spostarsi,ed e' necessaria una rx di controllo

Mi domando: in tal caso non era meglio fare l'intervento direttamente?mi sto documentando e sto vedendo che l'orientamento con queste frattura ,e' quello di operare direttamente senza gesso

se le ossa dovessero spostarsi,e' necessario un intervento chirurgico?Dopo quanto tempo puo' essere eseguito(ovviamente intendo,dopo quanto tempo dalla rimozione del gesso,visto che ormai mia madre e' ingessata,e dovra' aspettare almeno un mese per toglierlo)

Se ci avessero detto che dopo l'ingessatura c'era la possibilità che l'osso si scomponesse di nuovo,avremmo chiesto direttamente l'intervento.

cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la valutazione se operare o meno queste fratture a volte è facile, mentre in altri casi "border line" lo è meno.

Certamente è lo specialista che può valutare correttamente i pro e i contro nei singoli casi: tra la valutazione del medico del P.S. e quella dell'ortopedico certamente quest'ultima è più attendibile.

L'intervento chirurgico, certamente indicato in certi casi di scomposizione, può non esserlo in casi di modesto spostamento dei frammenti, soprattutto se non ci sono irregolarità evidenti della superficie articolare.

Non va mai sottovalutato il trauma dell'intervento, che pertanto va riservato ai casi che realmente necessitano dello stesso.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
la rigrazio Dottore,lunedi faremo l'rx e speriamo che l'osso non si sia spostato.
La mia perplessità sull'opportunita' o meno di operare,nasceva dal fatto che il medico in ps che aveva parlato della necessità dell'intervento,era un ortopedico(il ps dove siamo andati ha una medicheria ortopedia 24h)
Quindi mi son detto: chi dei due ortopedici ha ragione?

Evidentemente a freddo la cosa e' risultata meno grave del previsto.
Saluti