Utente 185XXX
mi è stato diagnosticato 8 mesi fa il tumore di warthin bilaterale dopo esame ecografico.Lo specialista OTL mi ha detto che dovrei sottopormi ad un intervento di parotidectomia totale ma a tutt'oggi non ho ancora fatto nulla.Ora sono venuto a conoscenza della tecnica di TERMOABLAZIONE usata con successo all'ospedale s matteo di pavia su una paziente affetta da tumore al panreas.Vorrei sapere se tale metodica è usabile anche per il mio caso.In attesa di un riscontro porgo i miei più distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Paulli
24% attività
0% attualità
0% socialità
LEGNANO (MI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Buongiorno, la termoablazione non trova attuale applicazione nelle caso di neoplasie parotidee, ciò è dovuto soprattutto dal fatto che dentro la ghiandola parotide si ramifica il nervo facciale che, con tale metodica potrebbe essere lesionato dall'elevato calore sprigionato dalla radiofrequenza dall'ago elettrodo inserito nella massa tumorale.
Nel caso del cistoadenolinfoma (tumore di warthin)si esegue normalmente una enucleoresezione, cioè si asporta la massa tumorale con parte della ghiandola adesa previa identificazione del nervo facciale dalla sua emergenza fino ai rami periferici. Questo intervetno viene eseguito in narcosi e anche bilaterlamente; il tempo di degenza postoperatoria è di circa 3 gg.
Solitamente non si esegue mai una parotidectomia totale.
Non esculdo che in futuro con l'affinamento degli strumenti, si possa utilizzare anche la termoablazione per le neoplasie parotidee.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
EGR dott PAULLI la ringrazio molto x la sua risposta..LE volevo chiedere:attuare la enucleoresezione bilaterale c è il pericolo che possa rimanere con una menomazione facciale?
[#3] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
PS:essendo un tumore benigno posso conviverci senza fare nulla o sarebbe pericoloso?
[#4] dopo  
Dr. Stefano Paulli
24% attività
0% attualità
0% socialità
LEGNANO (MI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Buona sera, mi scuso nel ritardo delle risposte:
1- il rischio di un danno al nervo facciale nell'approccio bilaterale e uguale per ogni lato anche se l'intervento viene eseguito in tempi diversi
2- anche se il cistoadenolinfoma è un tumore benigno, si ingrandisce sempre di più col tempo potendosi infettare e generare ascessi ecc, inoltre per grandi dimensioni l'intervento risulta più complesso in quanto la massa tumorale sposta maggiormente i rami del nervo facciale con difficoltà maggiore nella loro identificazione durante l'intervento stesso....cordialità
[#5] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
EGR DOTT PAULLI non deve scusarsi è stato molto esauriente nelle risposte e LA ringrazio..LA contatterò personalmente al più presto...Distinti saluti