Utente 190XXX
Buonasera a tutti,
con non poca difficoltà trovo il coraggio di parlare di qualcosa che mi imbarazza.

Ho 36 anni e da qualche mese (circa 5/6) mi capita di perdere l'erezione durante il rapporto.
Con facilità raggiungo l'erezione ma dopo 15 minuti di rapporto "intenso" la perdo d'improvviso.
Spesso volte la riacquisto altre no e questo mi lascia un senso di frustrazione perchè non è il desideri che mi manca.

Ci siamo capiti !! Vorrei spaccare il mondo tanta è la voglia ma l'amico non collabora.

Alcune volte fila tutto alla grandissima ma ci si ricorda solo degli "insuccessi".

Appena mi rendo conto di quello che sta succedendo la cosa peggiora e vado nel pallone, cambiando anche di umore.

Ho cercato di trovare delle motivazioni a tutto ciò ma non le ho trovate.

Ok lo stress lavorativo, un pò troppa palestra, qualche sigaretta, etc... ma credo che a quest'età sia normale.

Sono attento all'alimentazione, faccio palestra, non uso droghe, non bevo alcol ............

In "privato" le erezioni sono di marmo ma logicamente non mi servono a molto.

Da 2 anni non ho una relazione fissa ma solo partner occasionali, di conseguenza i rapporti non sono spontanei ma "programmati".

La cosa mi sta buttando parecchio giu' !!

Ho bisogno di trovare una soluzione e riacquistare un pò di fiducia.

Tutti (ma veramente tutti) i controlli medici del caso (andrologo incluso) non hanno evidenziato nulla, tanto che mi sono state prescritte solo delle bustine di arginina.

Ultimamente sto pensando di parlarne con il medico di base e farmi prescrive qualcosa a basso dosaggio per il deficit erettivo, per cercare di darmi una mano a supereraro quello che spero sia solo un periodo un pò difficoltoso.

Grazie



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,consiglierei che sia un andrologo a tracciare un farmaco pro erettile,determinando un dosaggio personalizzato.Comunque,il quadro clinico non sembra essere preoccupante e dovrebbe risolversi agevolmente.Cordialità