Utente 194XXX
Buongiorno,
ho 28 anni e vorrei chiederle un consulto.
Io ho una stenosi aortica congenita,operata con valvuloplastia nel
1993 e nel 2005 causa peggioramento mi hanno messo una valvola
biologica con prospettivo futuro intervento tra 10/15 anni.

Causa forti vertigini,ho preso una visita presso un cardiologo di
Pistoia,(premetto che io sono seguita a Lucca da un altro
cardiologo),mi ha visitata e mi ha fatto molto preoccupare,le posto il
referto dell'eco:

Camera ventricolare sinistra di dimensioni normali(4.6cm)con spessore
settale (1.0cm)e parietale (1.0cm)nei limiti della norma.Nei limiti la
cinetica parietale.FE globale del VS nella norma :stimata 65%.Mitrale
normocinetica;al Cd minimo jet da rogurgito sistolico,privo di
significato clinico.Atrio sinistro nella norma(3.4cm)Bulbo
aortico(3.1cm)Protesi aortica biologica in sede,normofunzionante(Vmax
4.6 m/sec;PGmax 85 mmhg;Pg medio 56 mmhg)Sezioni destre nei limiti
come dimensioni con lieve jet da rigurgito tricuspidale e normale
pressione polmonare.

Il cardiologo mi ha detto che secondo lui entro 3 mesi mi dovrò
rioperare perchè la valvola è parecchio calcifica e fa fatica a
passare il sangue.

Non contenta ho subito chiamato il mio cardiologo di fiducia
esponendogli la situazione,naturalmente lui mi ha voluta
controllare....be l'eco è uguale ma lui mi ha detto che possiamo
benissimo aspettare qualche anno....insomma due versioni completamente
diverse....nel dubbio ho preso un appuntamento dal cardiochirurgo che
mi ha operato..ma come sa non è una cosa molto veloce
ottenerlo....cosi ora mi stò fasciando la testa con mille
dubbi....spero che lei mi possa dare anche il suo parere,

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
il suo caso si basa tutto o in parte sul referto ecocardiografico che pone molti dubbi: infatti se è vero che i parametri doppler (in particolar modo il grad medio di 56mmHg) deporrebbero per una valvola effettivamente calcifica, altri parametri ecocardiografici (tipo l'assenza di una ipertrofia ventricolare sinsitra) e clinici (assenza di affanno, stanchezza, ad es.) deporrebbero per una situazione clinicamente silente e non particolarmente grave. On line, l'impossibilità di visionare l'esame ecocardiografico e di visitarla, non permettono di esprimere un giudizio univoco, dovrà necessariamente adire al cardiochirurgo che l'ha operato.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 194XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno,grazie per la risposta,be a voce il cardiologo mi ha detto che la valvola si sta cominciando a calcificare...ma il ventricolo non è ipertrofico,mi sono dimenticata di scrivere che dopo l'intervento di sostituzione valvolare biologica avuto nel 2005 ho avuto due gravidanze l'ultima a maggio 2010,non penso influisca ma il gradiente ha cominciato a rialzarsi con la seconda gravidanza.Per quanto riguarda i sintomi io ho sempre sofferto di vertigini,fiato corto e mi stanco facilmente,quindi non è facile distinguerli da quelli che ho normalmente...Saluti