Utente 196XXX
Gentile Dottore ho effettuato un taglio cesareo 18 giorni fa con anestesia spinale ma da circa tre giorni ho dei tremendi dolori alle gambe e alla schiena che non mi permettono di riposare bene la notte poichè non riesco a trovare una posizione comoda.La mia dottoressa mi ha detto che potrebbe essere una conseguenza dell'anestesia e mi ha prescritto la tachipirina, ma i dolori non sono passati. Sono molto preoccupata, sono normali? Conviene fare degli esami e soprattutto quali per capire di cosa si tratta? Grazie mille della cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente, senza allarmarsi troppo, io le consiglio di farsi visitare dall'anestesista che l'ha assistita durante il T.C., o comunque presso l'Ambulatorio di Anestesia della Struttura presso la quale è stata sottoposta al T.C..
Infatti solo visitandola si potrà capire ed individuare le eventuali indagini utili, anche perchè la sintomatologia che Lei lamenta è particolare e di non facile attribuzione alla metodica anestesiologica.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 196XXX

Iscritto dal 2011
Prima di tutto la ringrazio per la sua rapidissima risposta;volevo chiederle una cosa, quando parla di sintomatologia non attribuibile alla metodica anestesiologica intende che i miei dolori non rientrano tra i normali effetti collaterali di questo tipo di anestesia?le faccio questa domanda perchè in questi giorni sono anche influenzata per cui sarei molto più tranquilla ad attribuirli a questa forma.Grazie mille.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile signora, quanto ho affermato è legato al fatto che Lei per 18 gg è stata, a quanto pare bene, ed ora ha questi dolori: la metodica anestesiologica può avere effetti collaterali ma in genere non si presentano così. Dato però che non si può mai generalizzare, è meglio lei si faccia vedere quando sarà guarita. Lo stato influenzale non credo invece che possa essere imputabile, perchè i suoi dolori non sembrano le mialgie che spesso accompagnano queste forme. Quanto ci ha raccontato mi fà venire in mente una lombosciatalgia, ma bisogna verificare con una visita ed eventuali indagini se ritenute utili e necessarie.
Cordiali saluti.