Utente 143XXX
Salve,ho 24 anni e son in terapia con metadone a 100mg al giorno da tre mesi,vorrei sapere quali sono le possibili cause di un totale calo del desiderio sessuale.é possibile un calo del testosterone?o cosa altro?grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Le ragioni più comuni sono:

a) iperprolattinemia
b) calo del testosterone, soprattutto in riferimento alla frazione "libera".

Questi problemi non dipendono solo dal farmaco per tutti nella stessa maniera, ma alcune persone sembrano più sensibili a questi effetti. Tuttavia in parte questi effetti si attenuano nel tempo. Naturalmente se ci sono altre sostanze in gioco, sia di tipo medico che di uso non medico (come quelle che ha citato nei precedenti consulti), possono influire.

Vi sono diversi rimedi già sperimentati per contrastare questa disfunzione.
[#2] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Attualmente non assumo nessuna sostanza al di fuori del metadone da ormai tre mesi per questo collego con certezza il calo del desiderio al metadone,sa indicarmi i farmaci che possono aiutare in questo caso?grazie lo stesso per le informazioni.
[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Questo atteggiamento in cui subito si passa all'indicazione del nome di prodotti non va bene, è un modo di vedere le cose sbagliato.

Deve farsi seguire da un medico.
[#4] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
soloda dire che...ha ragione ma il medico sò già come mi risponderà ed è come mi hannorisposto altri due medici.con il tempo si aggiusterà la situazione,son passati 4 mesi,nulla è cambiato ed io temo di non farcelapiu.
[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non mi sembra di averle risposto semplicemente "con il tempo si aggiusterà". Questo problema è conosciuto, vi sono alcuni rimedi studiati appositamente per pazienti in terapia metadonica che hanno spesso questo problema. Conosco personalmente anche gli autori di alcuni degli studi in materia, che sono stati presentati in recenti occasioni di congresso. Esiste il problema, esistono soluzioni. Il problema è rilevante oltre che di per sé, anche per un altro motivo, perché è una causa frequente di sospensione di cure e quindi di ricadute automatiche nella dipendenza.

Per valutare quale trattamento sia proponibile è necessario raccogliere una serie di notizie, vedere quali esami ha fatto e farne altri se va chiarita ad esempio la situazione ormonale, e poi magari altri mentre fa la cura per verificare che sia ben tollerata.

Al di là di questo, non essendo seguito è bene che invece lo sia, ma questo vale in generale.
[#6] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non mi sembra di averle risposto semplicemente "con il tempo si aggiusterà". Questo problema è conosciuto, vi sono alcuni rimedi studiati appositamente per pazienti in terapia metadonica che hanno spesso questo problema. Conosco personalmente anche gli autori di alcuni degli studi in materia, che sono stati presentati in recenti occasioni di congresso. Esiste il problema, esistono soluzioni. Il problema è rilevante oltre che di per sé, anche per un altro motivo, perché è una causa frequente di sospensione di cure e quindi di ricadute automatiche nella dipendenza.

Per valutare quale trattamento sia proponibile è necessario raccogliere una serie di notizie, vedere quali esami ha fatto e farne altri se va chiarita ad esempio la situazione ormonale, e poi magari altri mentre fa la cura per verificare che sia ben tollerata.

Al di là di questo, non essendo seguito è bene che invece lo sia, ma questo vale in generale.