Utente 198XXX
Gentili Dottori,
chiedo il vostri aiuto perchè da circa 6 mesi ho dei problemi di calo del desiderio accompagnato da difficoltà nel mantenimento dell'erezione. Ho 52 anni e fino a sei mesi fa una vita sessuale regolare con mia moglie con la quale vivo da circa 25 anni. Mi sono rivolto ad un andrologo che mi ha prescritto degli esami che vi elenco per avere un vostro primo parere con la speranza di riuscire a trovare un pò di conforto ad un ansia che sta incidendo fin troppo sulla mia sfera sessuale:

Testosterone plasmatico: 5,66 ng/ml
Testosterone libero: 17,5 pg/ml
Prolattina: 11,9 ng/ml
F.S.H. : 9,5 m/U/ml
L.H. : 5,00 mU/ml
S.H.B.G. : 37,6 nmol/l
FT3: 3,53 pg/ml
FT4: 1,10 ng/dl
Tireotropina: 2,28 microUl/ml

Con la speranza che questi dati possano essre utili per una prima valutazione da parte vostra e quindi per una risposta che possa in qualche modo tranquillizzarmi o al contrario che possa essere da stimolo per la ricerca di una soluzione al mio problema il quale sta occupando buona parte dei miei pensieri.
Un grazie anticipato e un cordiale saluto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Caro Utente, gli esami ormonali sono nella norma, non è quindi da questi aspetti che dipendono le Sue difficoltà. Si confronti ancora con il Suo curante e non si deprima! Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2011
Grazie della sua celere risposta Dott. Conti. Mi consulterò a breve con il mio andrologo il quale ha previsto anche un ecocolordoppler penieno per il mio caso che mi preoccupa anche per l'elevato costo e magari non risiede lì la causa del mio problema. Leggendo un pò quae la mi sto rendendo conto che forse mi sto avvitando in pensieri ossessivi che mi deprimono ( come lei paventa)e che mi impediscono di ottenere una vita sessuale soddisfacente come fino a poco tempo fa. Vedremo se il mio medico mi indirizzerò verso una terapia di carattere psicosessuologico.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Una componente di tipo emotivo è frequente nella Disfunzione erettile, specialmente nella Sua (e mia..) fascia d'età. Un bravo andrologo sà valutare anche questo aspetto e capire quale peso può avere l'ansia nel Suo quadro complessivo, per aiutarLa a disinnescare la "bomba" psichica!
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
mi associo al Dr.Conti nella risposta.
Oggi in clinica, si parla di "etiologia mista" del d.e, proprio per l'inscindibilità dell'aspetto psichico, emozionale e relazionale, dall'aspetto meramente organico.
Un approccio poliedrico alle sue difficoltà erettive, credo potrebbe essere una valida strategia terapeutica, il corpo inoltre ha una "memoria corporea" del fallimento, quindi se non si investigano le cause altre da quelle organiche e si decondiziona il circolo vizioso, la disfunzione tenderà a riproporsi.
Legga, se desidera, questo mio articolo, troverà degli spunti di riflessione.
Saluti


http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/152/Andrologia-e-psico-sessuologia-due-discipline-a-braccetto
[#5] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2011
Dottoressa Randone,
la ringrazio tanto della sua risposta. Ho letto il suo articolo tutto d' un fiato e di spunti di riflessione ne ho trovati praticamente in ogni parola. Ho paura che il mio problema risieda infatti nella mutata sessualità di mia moglie, 45 anni, splendida donna. Stiamo insieme da 25 anni e praticamente posso dire che siamo cresciuti insieme ma mentre la mia sessualità è rimasta più o meno la stessa la sua è cresciuta con il suo crescere come donna. E' probabile che la sua crescita sessuale coincida con una mia naturale e inesorabile perdita di potenza sessuale e questo possa causare una mia ansia di prestazione dovuta principalmente al mio desiderio di essere in grado di soddisfarla per il grande amore che nutro per lei. Premetto che il suo atteggiamento nei miei confronti è assolutamente amorevole e mai e poi mai mi ha fatto pesare qualche mia prestazione insoddisfacente. Dal momento che il problema nasce dentro di me credo proprio di avere bisogno di un esperto sessuologo che possa aiutarmi in questo percorso. Io abito nell'Hinterland milanese dottoressa, le chiedo se per caso conosce qualcuno al quale posso rivolgermi per un consulto?
Con la speranza di una sua risposta la saluto cordialmente.
P.S.
Ringrazio anche il Dottor Conti per avermi risposto.
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
cerchi all'interno dell'albo degli psicologi della sua regione, deve trovare uno psicologo-psicoterapeuta, perfezionato in "sessuologia clinica", il massimo della formazione in sessuologia
Cari saluti
[#7] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Mi permetto di ribadire comunque che la verosimile etiologia mista ( in parte organica, in parte psicogena) colloca il Suo problema in una zona di confine in termini di competenza: in pratica, alla Sua età può essere utile imparare ad accettare che l'organismo cambia e così anche la sessualità, che tende a diventare più "quieta" con gli anni. Imparare a comprendere ed accettare questo in armonia con l'universo (in questo caso familiare) è terreno di gioco del sessuologo, ma se poi Le serve comunque un supporto farmacologico per soddisfare le Sue fantasie, alla fine si ritroverà dal farmacista.

In questo campo è bene non perdere di vista la competenza andrologica, la quale ricordo non consiste solo nel prescrivere accertamenti o farmaci, ma anche nel saper dirimere l'origine delle problematiche raccontate dal paziente e consigliare il giusto approccio: anche quello sessuologico se del caso.