Utente 141XXX
Gentili medici, sono un ragazzo di 20 anni che ha un prolasso lieve della mitrale giudicato non patologico ma fisiologico dovuto alla mia costituzione longilinea (191 cm - 79 kg e ossatura molto sottile). Mai fumato e mai bevuto, esami del sangue con valori buoni. Gli ECG risultano sempre "nella norma" o "nei limiti", anche l'holter delle 24 ore che ho eseguito ogni anno per ricevere il certificato medico sportivo agonistico. Un cardiologo però (non altri due che ho consultato) facendomi un ecocardio ha riscontrato un aumento di volume del cuore, e mi ha consigliato di stare 6 mesi senza fare sollevamento pesi (che svolgo 3 giorni a settimana per 1 ora circa) per vedere se dipende da questa attività o meno. Io però sapevo che il cuore aumenta di volume anche quando si è parecchio allenati, e io pensavo di essere allenato essendo anche bradicardico (55 battiti al minuto quando non sono stressato) per via di oltre 10 anni di pallacanestro agonistica. Vorrei sapere il vostro parere e se secondo voi sarebbe veramente utile sospendere 6 mesi il sollevamento pesi ai fini di valutare questo ingrossamento del cuore, di cui attualmente non so indicarvi le misure precise perché non ho la stampa sotto mano ma in caso di richieste la posso cercare.

Ringrazio in anticipo per il lavoro che svolgete costantemente.
Un saluto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Vede, l'essere umano non e' fatto per sollevare pesi, che tra l'altro comporta un tipo particolare di sforzo sostanzialmente isometrico: questo tipo di sforzo, come del resto gli sforzi in genere, non hanno assolutamente un effetto benefico su alcun cuore. L'aumento di volume o di spessore del suo cuore, specie considerando che lei e' molto giovane, ne e' la dimostrazione
[#2] dopo  
Utente 141XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dr. Cecchini, la ringrazio per la sua chiara risposta. Ma per quanto riguarda l'attività aerobica come la corsa invece anche quella può avere queste controindicazioni? Il nuoto invece?
Le riporto l'ecocardio: ventricolo sinistro dilatato, conservata funzione sistolica globale. I dati sono i seguenti:
Ventricolo sinistro:
DTD: 60 mm DTS 39 mm Fs 35 % VTD 180 ml VTS: 76 FE 60% SIV 8 mm PPL 8 mm

mitrale: prolasso valvolare di grado lieve di entrambi i lembi

Aorta: Diam. 33 mm vmax 116 cm/sec. atrio sinistro: AP 40 mm.

Se smetto domani di sollevare pesi ci sono possibilità che il ventricolo sinistro torni nelle dimensioni consigliate? (38-56 mm leggo) Questa dilatazione può portare complicazioni per interventi chirurgici / anestesie? Chiedo questo particolare rischio visto che in generale penso sia troppo discorsivo parlare di tutti i rischi che può comportare la dilatazione del ventricolo sinistro.

Come anamnesi posso dire che ho avuto un edema polmonare non cardiogeno in seguito ad un'anestesia generale e mi è stato somministrato furosemide, ho trascorso una notte in UTIC.

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il volume di 180 ml e' estremamente aumentato e dubito che come scrive lei l'edema polmonare che lei avrebbe presentato non fosse "su base cardiologica" e non solo perche' si e' risolto con la furosemide.
Una cosa e' l'attivita' fisica, cioe' il cammino, per il quale l'uomo e' stato fatto da madre natura, una cosa e' la corsa o l'attivita' sportiva intensa, che non fa bene.
La faro' sorridere, ma pensi che l'uomo e' l'unica specie animale che ha inventato gli sport: non ha mai sentito parlare di olimpiadi di volo tra gli uccelli, o le gare di nuoto tra i pesci, ne' di salto in alto dei canguri...
Solo l'uomo ha , da sempre, questa mania dello sport per il quale il nostro cuore non e' adatto.
Cordialmnente
cecchini
[#4] dopo  
Utente 141XXX

Iscritto dal 2009
Sono stati i medici che mi hanno operato a dirmi che l'incoveniente non fu causato dal cuore, ma da una reazione all'estubazione e inizialmente credevano fosse causato da un broncospasmo, anche se mi hanno detto che non erano certi di nulla e che è stato un avvenimento imponderabile. Lei non solo mi fa sorridere ma mi ha anche convinto in 10 minuti a interrompere immediatamente queste attività, e anzi mi pento di non aver ascoltato il cardiologo che mi fece questo ecocardio a Settembre 2010, vedrò non appen apossibile come si è evoluta la situazione attualmente.

Sentiti ringraziamenti.
[#5] dopo  
Utente 141XXX

Iscritto dal 2009
Per completezza riporto i valori di 2 anni fa, quando ancora non avevo iniziato a sollevare pesi: DTdVs: 51 mm anzichè 60 e SIV 6 mm anzichè 8, però manca il volume. e le conclusioni erano "ventricolo sinistro di normale volume, con regolari spessori e buona contrattilità globale e regionale radice aortica di normale ampiezza, con valvola tricuspide e semilunari normomobili. Lembi valvolari mitralici lievemente ispessiti che mostrano prolasso meso-telesistolico del foglietto posteriore. Atrio sinistro e sezioni destre nei limiti. Fisiologico collasso inspiratorio della VCI. Pericardio indenne. Lieve rigurgito valvolare mitralico". Questi esami furono fatti 4 giorni prima dell'intervento chirurgico in anestesia generale dove ebbi l'edema polmonare.
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Stia sereno. Usi la bicicletta per il trasporto e le gambe per camminare, il piu' possibile. Il suo cuore la ringraziera e ridurra' il volume in pochi mesi. Saluti
cecchini