Utente 137XXX
Egregi dottori,
qui potete leggere la mia breve storia che avevo postato nell'area psicologia
http://www.medicitalia.it/consulti/Psicologia/203881/Tachicardia-sinusale-e-ansia
Volevo un consulto, poichè ho effettuato gli esami cardiologici (ecocardiogramma, holter24ore e raggi) che mi erano stati prescritti e il cardiologo mi ha consigliato, poichè non ci sono assolutamente problemi al mio cuore, di prendere inderal betabloccante 1/4 cpr. 2 volte dì per 1 mese, poichè secondo lui la mia tachicardia è dovuta all'ansia.
Poi, mi ha consigliato, finito il mese di cura, di continuare con il lexotan che già mi era stato prescritto...
Durante la visita cardiologica il dottore mi ha detto che avevo la pressione leggermente bassa, e siccome andando in internet ho letto che i betabloccanti rallentano i battiti e la pressione cardiaca, mi stavo chiedevo se non fosse pericoloso assumere questo medicinale.. Oltrettutto ho letto anche che non va sospeso di colpo ma diminuito lentamente.. a me invece è stato detto di fare la cura per un mese e poi stop.
Volevo solo rassicurazioni in merito alla terapia.
Grazie ancora per il vostro supporto.
Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Dosaggi così bassi di Inderal ( propanololo) non influenazano significaticamente la pressione e neppure frequenza cardiaca. Lo può assumere con tutta tranquillità. Anche sulla interruzione non si crei preoccupazioni, basterà che lei assuma solo lamdose mattutina per un paio di giorni, per poi interrompere completamente l assunzione.
Cordialità
Cecchini
Www.cecchinicuore.org