Utente 616XXX
Buongiorno ho 53 anni e da tanti anni ho ipertensione emotiva cioè le misurazioni che autoeseguo a casa sono nella norma tranne nei momenti in cui sono un pò teso e comunque dopo alcune misurazioni si normalizza sempre a volte fino a valori 110/65 con circa 65-70 pulsazioni. Esami ematochimici tutti nella norma.
Succede ed è un serio problema in caso di intervento chirurgico, che tutte le volte che mi reco in uno studio medico o in ospedale e me la misurano risulta sempre oltre i 200/100 con circa 100 pulsazioni.

L'elettrocardiogramma dice:
Tachicardia sinusale. Fc 100. Conduzione AV ai limiti superiori. PR 200 msec. Cuore verticale. Deflessione di 1 mm, punto j in sede anterolaterale, verosimilmente Fc relato.

Esame obiettivo:
PA clino = 210/110
PA orto = 200/90
Kg = 60
Polmone ventilante. Toni cardiaci ritmici, vibrati, concitati. Organi ipocondriaci nei limiti. Soffio iliaco femorale bilaterale. Pedidie OK.

Nelle condizioni di cui sopra e avendo valori pressori pressochè normali durante il giorno è consigliabile una terapia farmacologica? se si, sarebbe più indicato un betabloccante un ace inibitore o altri?
Non c'è il rischio che avendola normale si abbassi troppo?
La Ringrazio

Cordiali Saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Nonostante cio' che si ritiene comunemente, la ipertensione "da camice bianco" comporta i rischi di ogni tipo di ipertensione. Proprio perche' lei appare molto emotivo, forse e' piu' opportuna una terapia con beta-bloccanti, piuttosto che calcio antagonisti od ACE inibitori.
La cosa migliore per lei e' eseguire un HOLTER PRESSORIO delle 24 ore per valutare i momenti della giornata in cui iuoi valori pressori sono elevati per valutare sia l'opportunita' di una terapia, sia la scelta del farmaco migliore per lei
cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 616XXX

Iscritto dal 2008
Egregio Dott Cecchini La ringrazio della risposta, da una settimana sto prendendo un Betabloccante(Lobivon 5mg) e a breve farò l'holter pressorio.Qualche suo collega nel mio caso opterebbe per un ace inibitore perchè il mio PR è già ai limiti superiori 200msec per blocco atrio ventricolare di I grado.
Cosa ne pensa?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se con il nebivololo il PR non si fosse ulteriormente allungato proseguirei con il farmac. Cordialità
Cecchini
[#4] dopo  
Utente 616XXX

Iscritto dal 2008
Grazie Dottore
Giorni fa ho fatto l'elettrocardiogramma già programmato e il PR è uguale 200msec.
L'holter lo farò a gg. mi hanno detto che è in riparazione.
La pressione che rilevo a casa è normale, la prima misurazione è sui 130-135 ma dopo qualche minuto scende fino a 120-110. A volte però la trovo molto bassa fino a 105/60 e pensavo se era il caso di provare a dimezzare la dose del Lobivon.
Lei sarebbe d'accordo?

La Ringrazio
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non c è alcun bisogno di ridurre il dosaggio le raccomando di bere molta acqua (1,5-2 litri al giorno).
Arrivederci
Cecchini