Utente 616XXX
Buongiorno ho 53 anni e da tanti anni ho ipertensione emotiva cioè le misurazioni che autoeseguo a casa sono nella norma tranne nei momenti in cui sono un pò teso e comunque dopo alcune misurazioni si normalizza sempre a volte fino a valori 110/65 con circa 65-70 pulsazioni. Esami ematochimici tutti nella norma.
Succede ed è un serio problema in caso di intervento chirurgico, che tutte le volte che mi reco in uno studio medico o in ospedale e me la misurano risulta sempre oltre i 200/100 con circa 100 pulsazioni.

L'elettrocardiogramma dice:
Tachicardia sinusale. Fc 100. Conduzione AV ai limiti superiori. PR 200 msec. Cuore verticale. Deflessione di 1 mm, punto j in sede anterolaterale, verosimilmente Fc relato.

Esame obiettivo:
PA clino = 210/110
PA orto = 200/90
Kg = 60
Polmone ventilante. Toni cardiaci ritmici, vibrati, concitati. Organi ipocondriaci nei limiti. Soffio iliaco femorale bilaterale. Pedidie OK.

Nelle condizioni di cui sopra e avendo valori pressori pressochè normali durante il giorno è consigliabile una terapia farmacologica? se si, sarebbe più indicato un betabloccante un ace inibitore o altri?
Non c'è il rischio che avendola normale si abbassi troppo?
La Ringrazio

Cordiali Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Nonostante cio' che si ritiene comunemente, la ipertensione "da camice bianco" comporta i rischi di ogni tipo di ipertensione. Proprio perche' lei appare molto emotivo, forse e' piu' opportuna una terapia con beta-bloccanti, piuttosto che calcio antagonisti od ACE inibitori.
La cosa migliore per lei e' eseguire un HOLTER PRESSORIO delle 24 ore per valutare i momenti della giornata in cui iuoi valori pressori sono elevati per valutare sia l'opportunita' di una terapia, sia la scelta del farmaco migliore per lei
cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 616XXX

Iscritto dal 2008
Egregio Dott Cecchini La ringrazio della risposta, da una settimana sto prendendo un Betabloccante(Lobivon 5mg) e a breve farò l'holter pressorio.Qualche suo collega nel mio caso opterebbe per un ace inibitore perchè il mio PR è già ai limiti superiori 200msec per blocco atrio ventricolare di I grado.
Cosa ne pensa?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se con il nebivololo il PR non si fosse ulteriormente allungato proseguirei con il farmac. Cordialità
Cecchini
[#4] dopo  
Utente 616XXX

Iscritto dal 2008
Grazie Dottore
Giorni fa ho fatto l'elettrocardiogramma già programmato e il PR è uguale 200msec.
L'holter lo farò a gg. mi hanno detto che è in riparazione.
La pressione che rilevo a casa è normale, la prima misurazione è sui 130-135 ma dopo qualche minuto scende fino a 120-110. A volte però la trovo molto bassa fino a 105/60 e pensavo se era il caso di provare a dimezzare la dose del Lobivon.
Lei sarebbe d'accordo?

La Ringrazio
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non c è alcun bisogno di ridurre il dosaggio le raccomando di bere molta acqua (1,5-2 litri al giorno).
Arrivederci
Cecchini