Utente 173XXX
Salve, dovrei sottopormi quest'anno a un intervento abbastanza delicato oltre che lungo ai legamenti del ginocchio...ricostruzione combinata del crociato anteriore e posteriore...ora mentre solo l'operazione all'anteriore dura un'oretta e mezza, quando c'è di emzzo anche il posteriore, le cifre raddoppiano e anche di piu, si potrebbe arrivare alle 4 ore di intervento.

Sinceramente la cosa che mi fa paura è proprio l'anestesia. La spinale x il rischio (seppur remoto) di avere deficit neuromotori permanenti, (fino alla piu grave di tutti, ovvero la paralisi degli arti inferiori), la totale, invece non tanto che possa "morire sotto iferri" come si diceva una volta, quanto che per mancata ossigenazione, possa avere deficit permanenti a livello cerebrale.

che percen tuali di rischi si riscontrno in letteratura dell'uno (paralisi arti inferiori nella'nestesia spinale) e nel secondo appena descritto?

infine....so che nell'anestesia totale ci sono alcune volte che si viene "intubati" e altre volte che viene apposta una semplice mascherina di ossigeno.

In base a cosa si usano queste due differenti metodologie?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, le procedure di anestesia periferica (Spinale, Peridurale o Plessica a seconda delle esigenze) sono ormai largamente usate, ogni giorno, con successo e soddisfazione in chirurgia ortopedica e non solo. Con gli strumenti oggi in uso, ed in mani esperte tali metodiche sono sicure, con una percentuale veramente bassa di complicanze neurologiche reali.
L'anestesia generale è ugualmente una metodica sicura, ma prevede l'intubazione, propio per ben controllare le vie aeree del paziente evitando i fenomeni di ipossia. La sola applicazione di una mascherina per l'ossigeno è in uso nelle metodiche di sedazione e quindi nel suo caso solo se si volesse sedarla, dopo una Spinale, se l'intervento fosse lungo e quindi la posizione dovesse stancarla pur non sentendo dolore.
Ovviamente un rischio generico c'è sempre come in ogni atto medico, ma tale rischio si riduce grandemente pur non azzerandosi, rivolgendosi a strutture e professionisti qualificati.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
LA ringrazio, ma l'intubazione è molto fastidiosa akl risveglio? complessivamente ha piu controindicazioni l'anestesia generale o quella spinale? i rischi di quella spinale piu o meno li conosco, i rischi invece della generale quali sono? ci si risveglia col tubo inserito ancora in gola?
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente il tubo viene inserito a paziente addormentato e rimosso quando la respirazione, azzerata durante l'anestesia ritorna ad essere valida.
In genere si usano calibri medio-piccoli che non danno noia.
Come le ho detto qualche rischio c'è sempre, ma non è possibile da queste pagine elencare tutto quello che può succedere durante una anestesia generale: ipotensione, disturbi transitori del ritmo cardiaco, broncospasmo ne sono solo alcuni, ma non si deve preoccupare poichè con tutti i presidi a disposizione, vengono rilevati sul nascere e prontamente risolti da un anestesista attento.
Ogni tipo di anestesia ha i suoi vantaggi ed i suoi possibili problemi, le consiglio di affidarsi alla esperienza ed al giudizio del suo anestesista.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
LA ringrazio ancora, dottoressa. Infine un'ultima domanda: tra la spinale e l'epidurale che differenza c'è? ricordo che lessi da qualche parte che una era leggermente piu "rischiosa" dell'altra. quale delle due?

Grazie ancora.
[#5] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
La differenza non è in termini di rischi, ma in termini di sede e quindi di materiale usato: la spinale viene eseguita nello spazio subaracnoideo (dove c'è il liquor) e con aghi molto sottili, la peridurale invece si esegue con aghi di calibro maggiore attraverso i quali si può anche posizionare un cateterino da lasciare in sede per esempio per controllare il dolore postoperatorio, e si esegue nello spazio peridurale, che è ,per dirla in termini semplici, più superficiale del primo. Possono avere indicazioni diverse, e per il paziente si tratta più o meno sempre di una puntura dietro nella schiena ad altezze qualche volta diverse. Non è un argomento facile da spiegare da queste pagine, ma ho tentato di darle una idea.
Saluti.
[#6] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
LA ringraxio ancora dottoressa.. e mi ero dimenticato di chiederLe un'altra cosa.....


cioè sono le stesse cose che direi all'anestesista quando mi chiederebbe lo stato di salute e particolari problemi....

1) sono ipotiroideo (ma assumo regolarmente Eutirox 50, una pillola e 3 quarti al gino, è un dosaggio preciso)

2) sono fumatore (una 15ina di sigarette al giorno)

3) per un periodo della mia vita, 2 anni (da aprile 2006 ad aprile 2008) sono stato in cura per una depressione, assumevo sertralina e bendodiazepinici

4)fin da quando sono piccolo ho sempre avuto le tonsille molto grosse....


questo quadro potrebbe essere contrario a un'anestesia totale (che è quella che preferisco)?
[#7] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente, in linea di massima e con i limiti del consulto telematico, non mi sembra che ci siano controindicazioni ad una Anestesia Generale. Certamente una indicazione precisa non può prescindere dagli esami preoperatori e dalla visita anestesiologica, pertanto quando la farà, esponga questo suo desiderio al collega che sicuramente le verrà incontro.
Cordiali saluti.