Utente 193XXX
Salve a tutti,
Sono un ragazzo di 25 anni e da alcuni mesi accuso un dolore/fastidio/scossa nella zona compresa tra la base del pene sul lato sinistro e l'inizio dell'inguine,che spesso arriva ad estendersi alla gamba sx e a 2 dita del piede sinistro.Parallelamente a ciò(non so se ci sono relazioni e per questo STO IMPAZZENDO)negli ultimi mesi ho notato una sensibile diminuzione della QUANTITA' dello sperma.La qualità invece è ottima(lo dice lo spermiogramma) e un eco-color doppler effettuato 1 mese fa non ha riscontrato NIENTE(no fughe venose,no placche,no zone di rammollimento flogistico etc...).Adesso l'unico esame che mi rimane da fare è la spermiocultura...che potrebbe darmi la risposta almeno per uno dei 2 problemi(dolenza e minor sperma prodotto).Tuttavia ho dei dubbi che mi piacerebbe aver chiariti:

1)Quando ho effettuato l'eco color doppler dinamico mi è stata fatta un'iniezione di caverjet(mi è stata iniettata una dose quasi completa) ma benchè nel referto il medico abbia scritto che era stata raggiunta una "tumescenza soddisfacente" ,il mio pene era arrivato si e no a 1/3 forse poco più della sua erezione e nn era per niente turgido.L'esame può considerarsi comunque VALIDO?
2)l'iniezione di caverjet oltre ad una tumescenza tutt'altro che completa mi ha provocato un pesante calo di pressione(prima di effettuare l'eco color doppler) con annebbiamento della vista,sudore improvviso e giramento di testa durati per 5 minuti...A COSA E' DOVUTA QUESTA REAZIONE?Non sarebbe stato meglio(oltre che meno fastidioso) prescrivermi una pillola di viagra(scusate la mia ignoranza...ma ne so ben poco)?
3)Quando si effettua la sperimocultura è NECESSARIO/OBBLIGATORIO il tampone uretrale?Sono TERRORIZZATO all'idea di quel macro cotton fioc che entra dentro il mio pene.E in cos'altro consiste la spermiocultura(oltre al tampone e all'analisi dello sperma)???

Distinti saluti e grazie in anticipo a chi risponderà.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,e' abbastanza frequente,particolarmente in un soggeto ansioso,il verificarsi di un calo pressorio a seguito della iniezione di alprostadil (vasodilatatore).La bonta' del referto non va messa in discussione.La spermiocoltura,e l'eventuale tampone intrauretrale,non devono creare alcun terrore,in quanto assolutamente indolori.Cordialita'.