Utente 225XXX
Egregio Dr. ho 47 anni, a Marzo ho eseguito una ecografia per un leggero gonfiore sotto l'orecchio post mandibolare. Il referto: Parodite sx si presenta regolare per volume e morfologia, senza significative alterazioni della ecostruttura parenchimale. Su versante superficiale del polo inferiore della ghiandola, si rileva una formazione nodulare solida di 25 mm x 16 mm x 14mm ipoecogena rispetto al parenchima ghiandolare circostante, a margini netti e regolari con ecostruttura finemente disomogenea e con lieve rinforzo di parete posteriore. Non si rileva dilatazione del dotto principale di Stenone. assenza di immagini riferibili a concrezioni litiasiche. Assenza di linfoadenopatie loco-regionali. In seguito ho eseguito esame citologico: Linfociti e gruppi di cellule epiteliomorge ad ampio citoplasma eosinofilo, prive di atipie, riferibili a oncociti. Il reperto orienta per tumore di Warthin. In seguito ho eseguito esame T.A.C.: In corrispondenza della tumefazione palpabile, si documenta a livello dei piani sottocutanei nel contesto del tessuto adiposo ed al di sotto della fascia cervicale superficiale, formazione solida a morfologia ovalare a margini regolari, che risulta apparentemente clivata dalle strutture ossee e muscolari loco regionali. Alla luce di quanto sopra esposto desidero un parere circa l'evoluzione di questo tipo di tumore, i tempi nei quali devo eseguire l'intervento, se trattasi di intervento invasivo, lungo, tipo di degenza e durata, se lascia menomazione facciale e non per ultimo una buona struttura a Roma con relativo Chirurgo. Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Medici
24% attività
0% attualità
12% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
direi che il collega che le ha richiesto gli esami (solo la Tc non mi vede concorde poichè personalmente preferisco in questi casi la Rmn)può darle indicazione circa la struttura in cui recarsi a Roma.
Poichè l'approccio a tale tumore e la casistica personale incidono notevolmente sulla prognosi mi sembra sensato che ne parli col chirurgo che la opererà.
Saluti