Utente 394XXX
salve,
volevo chiedere il vostro parere in merito alla mia situazione clinica.
Ho 30 anni, 180 cm e 68 kg. Sin da pikkolo ho avuto l'allergia alla polvere, scomparsa poi intorno ai 7-8 anni... e ricomparsa 3-4 anni fa insieme alla paretaria.
Un paio di anni fa ho fatto i test allergici e mi hanno diagnosticato appunto, allergia alla parietaria, alla povere e un pò di cipresso. Il periodo in cui stato male (okki rossi e naso colante..) è andato via via sempre crescendo. son passato dai 15 giorni ai 3 mesi dell'anno passato.

Ho effettuato una visita qualke giono fa e il mio allergologo mi ha detto che potrebbe esserci una forma celiachia.
Vi spiego la mia situazione intestinale.
Sono diversi anni che soffro di problemi intestinali (colite nervosa e/o intestino irritabile)! sono un tipo iperattivo... e faccio una vita molto stressante. Il problema che riscontravo era una scarica di diarrea quando avevo un esame, oppure quando mangiavo la pizza, o quando mangiavo dolci o panne.
Il vero problema l'ho avuto 7 mesi fa ... ad aprile. DOpo aver mangiato alici marinate, mi son sentito male... e da li è iniziato il mio calvario. Ho passato mesi interi a mangiare in bianco, ma la situazione non migliorava, I medici ke mi avevano in cura mi hanno fatto prendere diversi fermenti, ma senza risultati. Il quadro sintomatico era il seguente: avevo feci molli, molto molto chiare e maleodoranti. Con qualke dolore e aria.
Ho eseguito una serie di analisi:

Esame emocrometico: tutto nella norma
Piatrine: tutto nella norma
Formula leucocitaria: nella norma
Esame completo urine: nella norma
Glicemia: 91 (60-110)
azotemia: 39 (20-45)
Creatininemia: 1.08 (0.7-1.3)
Colesterolemia: 109 (100-200)
Transaminasi AST: 16 (5-40)
Transaminasi ALT: 16 (5-40)
YGT: 8 (5-35)
Bilirubina: nella norma
VES: 5 (3-15)
Proteine totali: 7.65 (6.20-8.20)
sideremia: 88 (50-160)
Transferrina INSATURA: 116 (150-350) FUORI SCALA
Transferrina TOTALE: 204 (250-450) FUORI SCALA

SODIEMIA: 137 (136-145)
Anticorpi Anti Trasglutaminasi: 0.4 (<7 NEGATIVO)
Anticorpi ANTI GLIADINA IGA: 1.1 (<7 NEGATIVO)
Anticorpi ANTI GLIADINA IGG: 4 (<7 NEGATIVO)
FERRITINA: 225 (20-290)
ANTICORPI ANTI ENDOMISIO IGA: Assenti
ANTICORPI ANTI ENDOMISIO IGG: Assenti
Colesterolo HDL: 42 (35-150)
Proteina C REATTIVA: 1.3 (0-5)

HELICOBACTER PYLORI IgG: <5 (0-12)
ANTICORPI ANTI TPO: <26 (<60 NEGATIVO)
ANTICORPI ANTI CELLULA PAR. GASTR.: ASSENTI
TSH-TIREOTROPINA: 3.5 (0.15-4.5)
ANTICORPI ANTITIREOGLOBULINA: 5 (0-100)

Calprest Calprotectina fecale: 136 (> 100 POSITIVO)


ANISAKIS (IGE SPECIFICHE RAST): 5.68
0-0.1 ASSENTI
0.1-0.35 Molto Basso
0.35-0.7 Basso
0.7-3.5 Moderato
3.5-17.5 ALTO


dopo queste analisi il mio gastro mi ha prescritto 10 giorni di FLAGYL e successivamente 2 mesi di Pentacol 800 e 4 gocce di LAROXYL. La situazione è nettamente migliorata.

A questo punto il mio allergologo mi ha detto che tutta la mia situazione allergologica e intestinale è dovuta alla celiachia e per accertarla non sono sufficienti gli esami che ho fatto ma serve un esame del DNA.

Volevo un vostro parere in merito.

cordiali saluti

mino

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Filippo Fassio
24% attività
0% attualità
12% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Per la rino-congiuntivite allergica (anche se non hai fornito molte informazioni: risultato del prick test - un + è diverso da un ++++, periodo dell'anno nel quale hai i sintomi) potresti chiedere al tuo curante o allo specialista di fiducia una terapia di fondo, da iniziare prima dell'arrivo dei sintomi, invece che limitarsi a combattere la rinite quando è ormai esplosa.

Per il problema gastro-intestinale mi pare, se ho letto bene, che i risultati degli esami per la celiachia siano negativi. Questo non esclude la diagnosi, ma se il sospetto clinico è fondato, allora dovresti eseguire degli approfondimenti. Soprattutto prima di iniziare una dieta senza glutine che sarebbe molto impegnativa per te (ma necessaria la diagnosi se fosse confermata - o inutile se venisse smentita) ma che potrebbe poi interferire con il risultato degli esami stessi qualora tu li volessi eseguire tra qualche mese.

Mi pare invece molto significativa la positività per anisakis, che è un parassita del pesce.
Ci possono essere due tipi di problemi: reazioni allergiche e infestazione dell'uomo.
Tu sei sicuramente esposto al primo caso, perchè hai IgE specifiche per le proteine di questo parassita, quindi quando lo ingerisci puoi avere manifestazioni allergiche. Questa evenienza dovrebbe essere scongiurata da una buona cottura, che denatura le proteine.

Il secondo caso è molto più raro, perchè l'anisakis in genere si trova (nei pesci che ne sono portatori) nei visceri che vengono rimossi prima della consumazione. Può però essere presente nelle carni del pesce se l'infestazione è massiva. In questo caso, se ingerito, in genere muore nel nostro stomaco. Altre volte invece, in rari casi, può infestare l'uomo e determinare una parassitosi intestinale.
Questo potrebbe anche essere stato il tuo caso, che suppongo il gastroenterologo abbia voluto curare con un ciclo di flagyl.

Potrebbe essere successo da quello che racconti, che tu fossi già sensibilizzato all'anisakis e che abbia ingerito delle alici che ne contenevano in grande quantità. Avresti allora avuto una prima reazione allergica importante (il quadro clinico acuto) e poi una successiva infestazione che ti avrebbe causato i problemi nei mesi successivi.

Questa è solo un'ipotesi, in ogni caso starei alla larga dal pesce crudo per un bel po'. E magari anche un controllo delle IgE per anisakis tra qualche mese, per vedere se scendono oppure no.
[#2] dopo  
Utente 394XXX

Iscritto dal 2007
Salve Dott. Fassio,
innanzitutto la ringrazio per le delucidazioni che mi ha dato.
Ne approfitto per chiederle altre informazioni.
Per quel che riguarda l'allegia al cipresso il valore è +++.

Per la diagnosi di celiachia, il mio gastro l'aveva esclusa dalle analisi del sangue fatte. Secondo lei è possibile una diagnosi di celiachia anche avendo i valori degli esami negativi come quelli del mio caso? Devo necessariamente fare un esame del DNA? Se fossi celiaco non dovrei avere problemi mangiando alimenti che contengono glutine? Che sintomi dovrei avere???


Per quel ke riguada la situazione anisakis, mi pare di aver capito che i valori delle IGe specifiche dovrebbero scendere con il passare del tempo. Io attualmente sto facendo una terapia con il pentacol 800 e laroxyl. La sitazione è nettamente migliorata, anche se sto seguendo un alimentazione molto molto controllata (niente fritture, alcol, bibite gassate, dolci, ecc...) la classia dieta da coln irritabile. In questi mesi tutto si è regolarizzato. Le feci sono ritornate del colore normale e sono formate. Mi è capitato però di mangiare delle mozzarelle e ho avuto la diarrea per un giorno (una sola scarica) e qualke giorno fa mi è venuta la diarrea dopo essere tornato dall'allergologo.. dopo questa nuova diagnosi mi son molto preokkupato.
Tra un mesetto (appena finisco la terapia con il pentacol) rieffettuerò il test per l'anisakis e il calprest test.

la ringrazio tantissimo per le sue delucidazioni.

cordiali saluti