Utente 213XXX
Buonasera,vi scrivo in quanto vorrei aiutare la mia ragazza,vi espongo il problema:<Quando è nata le è stato diagnosticato che aveva i piedi affetti da equinismo varo supinato.I medici all'ora(24 anni fa) intervenirono per correggere il difetto e la mia ragazza nei suoi primi mesi di vita fece diversi trattamenti e un intervento alla caviglia per allungare i tendini.Durante la crescita poi ha cominciato a soffrire di ritenzione idrica e cellulite a gambe e coscie ma a questo problema non ha preso provvedimenti.Tale problema le da molti problemi fisici e psichici perchè non si vede bene con se stessa e si sente sempre inferiore nel confronto con le altre ragazze e per star meglio semplicemente si limita a coprire le proprie gambe con pantaloni larghi.Recentemente sotto mia spinta si è convinta a farsi visitare e ha fatto un breve periodo di pressoterapia.> Cari dottori io vorrei sapere se il suo problema attuale è riconducibile al suo difetto congenito,e vorrei anche da voi un consiglio su ciò che c'è da fare per aiutarla e poterle dare delle gambe più regolari e più snelle.
Grazie
Saluti
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
il quesito che ci sottopone, per le sue peculiarità, rientra tra quelli che difficilmente possono avvalersi di un consulto a distanza.
Certamente i difetti di appoggio plantare e le irregolarità articolari sono condizioni in grado di condizionare un alterato ritorno veno-linfatico; ma anche altre condizioni potrebbero essere in questione.
E' anche vero che manifestazioni del genere interessano spesso soggetti della stessa età in assenza di rilevi patologici analoghi.

La situazione andrebbe in ogni caso valutata, se non già fatto, con indagini strumentali (ecocolordoppler).
La pressoterapia, eseguita sotto controllo medico, rappresenta un ottimo rimedio soprattutto se accompagnata a linfodrenaggio manuale e adeguata elastocompressione.