Utente 509XXX
Sono terrorizzato e profondamente stressato.
Ho avuto una micosi sul pene che ho curato ma poi mi è
stato diagnosticato un lichen (non mi hanno detto di
che tipo e su internet ho visto certe immagini che mi
hanno spaventato enormemente) che ora devo curare per
un mese con delle compresse di NORAD (antiossidanti), una al giorno e
la crema NORAD per un mese e poi tornarmi a far controllare.

Non so che cos'ho e questo è il motivo della mia ansia.
è grave? lo stress è tanto e vorrei delle risposte chiare.
Ora che ho iniziato la cura tra l'altro a me sembra che le cose
peggiorino di giorno in giorno poichè la pelle che copre il
prepuzio inizia a presentare piccole lacerazioni come nel mio
precedente caso di "micosi".
Ho paura che il dottore che mi ha preso in cura non stia facendo
le cose giuste.

Visto che ho il metabolismo scosso devo seguire una dieta particolare?
Spero possiate aiutarmi.
Un grazie in anticipo.
Simone

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

non credo che un sospetto lichen possa trarre giovamento da una terapia medica.
Io consulterei uno specialista andrologo (chirurgo) che possa valutare eventuali indicazioni ad una circoncisione a scopo iagnostico-terapeutico oppure sentirei un buon dermatologo ( all'IFO-S.gallicano e all'IDI-Monti di Creta ne potrà trovare di validi)per una "gestione" del problema
cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

in primis alcune domande:
Chi le ha prospettato una diagnosi del genere? Perchè nell'ambito della visita non sono stati chiariti i suoi dubbi ? oppure, perchè i suoi dubbi permangono nonostante i chiarimenti del caso ?

Le fornisco nel frattempo, alcuni orientamenti che a mio avviso, andrebbero seguiti in casi come questi:

- fidarsi sempre dello specialista che effettua la visita: non esistono "buoni" o "cattivi" dermatologi

- chiedere al proprio dermatologo ogni informazione o chiarimento atto a rendere edotto il paziente ed a comprendere bene la propria patologia.

- sollecitare quando necessario un approfondimento diagnostico in caso di diagnosi dubbie : questo solitamente deve avvenire da parte dello specialista che effettua la visita, ma la richiesta può essere mossa di diritto da parte dell'utenza stessa al fine di determinare un percorso terapeutico chiaro.

- il Lichen sclerosus è una patologia che DEVE essere curata con terapie mediche ancorchè chirurgiche: la stragrande maggioranza dei Lichen sclerosus rispondono bene alla terapia e non necessitano di interventi chirurgici demolitivi

- il Lichen sclerosus è una patologia infiammatoria immnunologica, che segue la sua strada ed il suo decorso: sebbene interssi in maniera elettiva il prepuzio (la pelle che ricopre il glande) alte percentuali di incidenza e/o di progressione si manifestano nei tessuti viciniori (soprattutto GLANDE e purtroppo, ma meno spesso, meato uretrale ed uretra) con un andamento che può essere indifferente dall'approccio chirurgico, il quale può costituire nel LS un amplificazione dei fenomeni infiammatori a causa del normale processo di riparazione tissutale a seguito dell'intervento: inoltre nelle sedi diverse dal prepuzio (glande ad esempio), l'intervento chirurgico si renderebbe poco approcciabile e comunque mai risolutivo.

- pertanto: utilissima è la determinazione con lo Specialista Dermatologo al fine di chiarire con esattezza la diagnosi (se necessario anche attraverso un piccolo prelievo bioptico) e stabilire la terapia elettiva, di tipo medico.

Per sua utilità e se ha qualche minuto di tempo, le valga conoscere che ho scritto numerosi consulti in questo Forum relativi a questo tipo di patologia, se vorrà può linkare a destra sul mio nome e cercarli.

carissimi saluti
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

al di la di esposizioni ultra-specialistiche le ribadisco il consiglio di rivolgersi all'ambulatorio dell'IFO-S.Gallicano, della Dermatologia del Policlinico Umberto I, del San Camillo o dell'IDI dove potrà essere valutato da uno specialista
cari saluti
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Caro Pozza,

utile il tuo consiglio, ma "al di la" di quello che affermi, sappi pure che le considerazioni personali del sottoscritto che hai commentato, anche se non ti rivolgi mai a me personalmente (io preferisco invece sempre farlo direttamente con i Colleghi quando da ritenuto opportuno e sempre nel pieno rispetto delle opinioni di ciascuno..scelta mia..per carità opinabilissima..) sono semplicemente da specialista e non da "ultra-specialista" (gli ultrà lasciamoli agli stadi..;)

Esse, pur nella non certezza dell'onnicomprensione da parte di tutti, detengono il fine di cercare di rendere edotto il più possibile - pur sempre in via non vincolante e non diagnostica - il nostro paziente e chiunque usufruisca del Forum per fini informativi, sulla potenziale condizione evocata e peraltro già diagnosticata in sede di visita diretta, come da Egli affermato;

detengono inoltre, l'ulteriore fine, di far comprendere, nel caso specifico, un parere specialistico (in questo caso il mio) nel quale si intende (ed è materia comune a chi si occupa veramente di questa malattie) come la patologia Lichen sclerosus non debba detenere per tutti i motivi elencati, un approccio chirurgico d'emblèee il quale non è nè risolutivo della condizione.

Ti saluto (perlomeno io), caramente.
Luigi LAINO


[#5] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro utente sono pienamente d'accordo con il collega dermatologo,la sua patologia necessita sicuramente di una terapia medica, in caso di scarsa risposta con eventuale restringimento sclerotico del prepuzio sarà indicato l'intervento chirurgico, quindi ritendo che il corretto approccio terapeutico debba essere sia dermatologico che urologico.

Cordiali saluti
Dott.Patrizio Vicini
[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
concordo con il collega dermatologo
[#7] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Il mio sincero consiglio caro signore, per fugare ogni suo dubbio, è di rivolgersi presso un ambulatorio di urologia o di dermatologia della sua zona dove colleghi competenti sapranno inquadrare la sua problematica unicamente con una visita locale e con eventuali approfondimenti diagnostici e potranno dirle se è il caso di avviare o meno una terapia medica o chirugica.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.