Utente 215XXX
Gentili dottori
Richiedo il vostro consulto per fare chiarezza su un punto che non ho chiaro. da settembre dell'anno scorso per vari motivi ho dovuto ripetere cicli di cortisone ed antibiotici,e questo ha dato luogo a numerose candide genitali curate in prima battuta con travocort e quindi successivamente con diflucan. Ora ho terminato da un mese l'ultima cura prescrittami dal venereologo di 4 mesi di diflucan 150 con uan pastiglia al mese,e mi ritrovo con la pelle del glande non secca quanto magari a volte asciutta,non più del colorito rosa a cui ero abituato ma piuttosto un pò più pallida. Inoltre una cosa che ho notato è che il prepuzio a volte(succede soprattutto al mattino o dopo lo sport) scende senza problema sul glande,sembrando tuttavia leggermente appiccicato. Quello che io vi chiedo è,c'è la possibilità che le discromie sul glande siano provocate dai frequenti episodi di candida che mi hanno afflitto nell'ultimo anno?premetto che parlando con due dermatologi e un urologo è stato escluso il lichen. Vi sono visite oltre che la visione ad occhio del dottore per confermare la diagnosi di semplici discromie?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
certamente è essenziale effettuare un esame obiettivo, magari coadiuvato dall'uso del videodermatoscopio.
Questo di regola orienta decisamente la diagnosi, che si potrà anche giovare di ulteriore diagnostica, ma ad un livello successivo, se il caso.
Cordialità
[#2] dopo  
215792

dal 2012
La ringrazio per la sua risposta. Dopo l'estate sicuramente farò visita ad un centro dermatologico per una diagnosi definitiva. Le chiedo solo un ultima cosa che chiaramente so non essere vincolante e che mi serve solo per aspettare tranquillo il passare dell'estate. Dopo le mie balanopostiti da candida,ora guarite, il glande potrebbe essere rimasto bianco per l'azione della candida quando era presente oppure generalmente dopo aver debellato il fungo si dovrebbe avere guarigione sempre completa?
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Potrebbero essere discromie post lesionali transitorie , come primo orientamento , ma va valutato.
cordialità
[#4] dopo  
215792

dal 2012
Perfetto!dopo agosto allora programmerò sicuramente una visita dal dermatologo per identificare la diagnosi. La ringrazio per la sua disponibilità,buone vacanze.
[#5] dopo  
215792

dal 2012
buongiorno dottore,
Le riscrivo per chiederle un'informazione. Dopo tutte le vicissitudini,ho curato una candida che si trascinava avanti in maniera quasi asintomatica e successivamente curato un uretrite,con cura che terminerò a breve. Ora le chiedo una cosa:sebbene dall'inizio dei miei problemi sia passato un annetto,ce la possibilità che risolvendoli la situazione non si sia evoluta in lichen nonostante il glande presenti zone che a volte appaiono pallide?
La ringrazio per la sua risposta.
[#6] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Il lichen sclerosus ( veda se vorra questa news e gli approfondimenti in calce alla stessa: http://www.medicitalia.it/luigilaino/news/1577/5-motivi-per-evitare-una-circoncisione-in-caso-di-Lichen-sclerosus ) e' una malattia che deve essere diagnosticata ed esclusa con efficacia e dal dermovenereologo così come le ha anticipato il collega.

Saluti a lei.
[#7] dopo  
215792

dal 2012
quello che intendevo con la domanda e forse mi sono espresso male: una balanopostite dopo un lungo periodo evolve per forza in lichen oppure può anche non succedere?questo era il mio dubbio.
[#8] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Non sono malattie connesse in alcun modo.

Saluti a lei