Utente 805XXX
Buonasera mia figlia ha 22 anni e due anni fa le è stata diagnosticata ciste sacro coccigea trattata con antibiotici e risolta. Dopo 3 mesi si è ripresentata la stessa situazione che ritrattata con antibiotici è rientrata. Ad oggi possiamo dire che non ha più avuto episodi. Parlando con soggetti che hanno avuto lo stesso problema ed hanno deciso di intervenire chirurgicamente, dicendo che potrebbero insorgere danni di "perforazione dell'intestino". Visto che mia figlia non intende effettuare intervento chirurgico chiedo se quanto detto può accadere veramente oppure no, ed eventualmente che problemi potrebbero insorgere se non si sottoponesse ad intervento chirugico?Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Non esiste alcuna correlazione tra cisti pilonidali e relative complicazioni ascessuali.con patologie dell'intestino.
Una cisti non rimossa resta unicamente esposta a fasi suppurative, che potrebbero prima o poi non essere controllabili con la sola terapia antibiotica.
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Arenga
16% attività
0% attualità
0% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 16
Iscritto dal 2007
La perforazione dell'intestino è una eventualità veramente molto rara, sicuramente non correlabile con cisti pilonidali (sacrococcigee).
Il mancato trattamento chirurgico espone alla possibilità di nuovi episodi infiammatori con rischi di sovrainfezioni, comunque trattabili nella maggior parte dei casi con terapia antibiotica