Utente 223XXX
Sono padre di un bimbo di 18 mesi che fin dalla nascita presenta una cisti nell'arcata oculare occhio sx (per intenderci attaccata all'osso lato interno dell'occhio) che diversi oculisti a cui mi sono rivolto, anche a seguito di ecografia, hanno diagnosticato come cisti dermoide. E' dura al tatto, la pelle che la ricopre è di uguale colore del resto del viso, è "saldata" all'arcata ossea e attualmente non inficia la vista. E' in graduale e lenta crescita (ultima eco, circa 4 mesi fa riporta 5 mm di diametro in quanto tondeggiante). Tutti sono concordi nell'asportazione quanto prima possibile per evitare l'ingrandimento della stessa con risvolti estetici negativi e per possibili implicazioni per la vista. Riporto i miei dubbi a cui chiedo cortese risposta: 1) è giusto intervenire chirurgicamente a questa età?; 2) se si effettua l'asportazione chirurgica ci sono possibilità di ricaduta?; 3) ci sono possibili problemi per l'anestesia totale?; 4) quale specialista dovrebbe intervenire (chirurgo generico, pediatrico, estetico visto la posizione)? 5) impatto estetico. p.s. ho fatto visitare il bambino ad un chirurgo estetico che si è detto disponibile all'intervento chirurgico. Grazie anticipatamente per le risposte che riceverò. Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio F. A. Cutrupi
28% attività
4% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Gent.mo

anche da questa postazione le offro un parere concorde a quello dei colleghi che hanno visitato il piccolo amico nostro.

chiunque tra chirurghi pediatrici o oculisti pediatrici potrebbe affrontare l'intervento, secondo il mio parere. L'anestesia generale è comunque d'obbligo in questi casi pediatrici, e magari anche loco-regionale.
ne discuta meglio con il pediatra curante e con chi ha visitato il giovanotto.

per il resto ci ritrova qui,
cordialità
[#2] dopo  
Utente 223XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno, a distanza di 8 mesi dalla richiesta di consulto è stato effettuato l'intervento della cisti dermoide a mio figlio. L'intervento è stato eseguito da un chirurgo oculista in anestesia totale ed è andato, a quanto pare, tutto bene. Sono stati applicati 7 piccoli punti di sutura nella parte anteriore del naso (mi hanno riferito che hanno applicato punti che non necessitano della loro rimozione ma andranno via da soli). Dal 04 Aprile, giorno dell'intervento, applico sulla cicatrice di mio figlio (su indicazione del reparto oculistico) tobradex, che è un corticosteroide combinato ad un antibiotico. Suppongo che tale applicazione sia dovuta per il rischio infezione della cicatrice. Chiedo gentilmente se tale applicazione sia esaustiva oppure necessiti di aggiunte. Desidererei sapere, inoltre, se terminata l'applicazione del tobradex (mi è stato detto di proseguire l'applicazione fino al 19 p.v. giorno della visita di controllo) sia necessario applicare altre tipologie di unguenti/pomate per migliorare l'aspetto della cicatrice e se si un suggerimento su quali.
p.s. tengo a che la cicatrice sia meno visibile possibile sia per la posizione della cicatrice sia per l'età di mio figlio.