Utente 179XXX
Buongiorno,
nel cardiogramma è stato evidenziato un lieve prolasso mitralico.
Il medico di base ha detto che non è niente di cui preoccuparsi e che posso fare tranquillamente anche sport.
Su un ultimo cardiogramma c'era scritto "sospetto prolasso mitralico" e su un altro, non ricordo se anni prima o dopo era riportato "cardiopalmo".
Volevo sapere se posso stare tranquilla o se con il passare degli anni la situazione possa evolversi.
Tempo fa a causa di probemi personali ho avuto molti episodi di tachicardia e dopo aver effettuato tutti gli esami (elettrocardiogramma, ecocardiogramma ecc) mi è stato detto che è tutto a posto e che sono sana.
E' possibile che sia ricondotto tutto a quello?
c'è qualcosa che posso fare in modo tale da far rimanere tutto com'è?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Va distinto il vero e proprio prolasso della mitrale che è una valvulopatia di tutto rispetto e spesso rende necessario un intervento chirurgico e l aspetto prolassante di uno dei due lembi che invece non ha niente a che vedere con il prolasso della mitrale ( come pA essere nel suo caso).
Palpitazioni e modeste aritmie sono spesso frequenti in chi ha atteggiamenti prolassanti dei lembi mitralici, ma sono aritmie del tutto benigne anche se possono essere fastidiose.
Cordialmente
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 179XXX

Iscritto dal 2010
dove devo guardare per poter classificare quale dei due tipi di prolasso ho?
nel caso avessi il secondo tipo, e cioè quello lieve posso stare tranquilla che rimanga sempre così?
grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
nel referto ci dovrebbe essere scritto che tipo di prolaasso le abbiano riscontrato.
ovviamente dipende dalla esperienza dell operatore .l atteggiamento prolassante non evolve assolutamente
arrivederci
cecchini
[#4] dopo  
Utente 179XXX

Iscritto dal 2010
Le riporto di seguito i referti eseguiti nel corso degli anni in modo che lei mi possa dire se è cambiato qualcosa o è sempre tutto uguale.

ECOCARDIOGRAMMA COLOR DOPPLER
del 11.06.2003
nei limiti della norma i diametri endocavitari, gli spessori parietali e dli indici di contrattilità globale. Non alterazioni della cinesi segmentaria. Morfologia e dinamica valvolare aortica nei limiti della norma. Minimo inginocchiamnto del lembo anteriore mitralico condizionante incostante jet da insufficienza valvolare di I, emodinamicamente privo di significato emodinamico. Non jet da insifficienza valvolare aortica. Nei limiti della norma le velocità del flusso transvalvolare anterogrado e mitrale. Nulla di rilevante a carico delle sezioni destre


del 06.04.2009
sospetto prolasso mitralico
normali dimensioni delle cavità cardiache dia destre che sinistre. Conservata funzione sistolica globale del ventricolo sinistro che presenta normale cinesi segmentaria e spessori parete; nella norma il riempimento diastolico. Lembi mitralici rindondanti ma non ispessiti con modesto allungamento dell'apparato cordale; si segnala prolasso del segmento A2 non condizionante insufficienza valvolare. Normale la morfologia delle altre valvole atrio-ventricolari e semilunari; lo studio color-doppler dei flussi rivela normale funzione. Normale il calibro dell'aorta toracica. Pericardio privo di lesioni fibro-essudative

del 28.12.2010
Cardiopalmo.
Normali dimensioni delle cavità cardiache sia destre che sinistre. Conservata funzione sistolica globale del ventricolo sinistro che presenta normale cinesi segmentaria e spessori di parete; nella norma il riempimento diastolico. Normale la morfologia delle valvole atrio-ventricolari e semilunari; lo studio del color-doppler dei flussi rivela normale funzione. Normale il calibro dell'aorta toracica. Pericardio privo di lesioni fibro-essudative.

ECG del 29.12.2010
Ritmo sinusale, frequenza 95/min. Normale conduzione atrio-ventricolare. Normale conduzione intraventricolare. Non turbe del ritmo. Non alterazioni della ripolarizzazione ventricolare. Deviazione assiale sx.

ECG DINAMICO HOLTER
del 15.11.2010
Ritmo sinusale, frequenza media di 94/min. Frequenti periodi, anche notturni, di tachicardia sinusale. Normale conduzione atrio-ventricolare. Normale conduzione intraventricolare. Frequenti ectopici sopraventricolari isolati. Rari ectopici ventricolari isolati. Non alterazioni della ripolaizzazione ventricolare anche durante i sintomi segnalati. La paziente avverte saltuariamente le aritmie.


Dopo tutto questo mi può dire se mi devo preoccupare o se, come diceva lei è una situazione che rimarrà sempre così senza evolversi?o se vadndrò comunque in contro a dei disturbi?
Grazie in anticipo per l'attenzione.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei ha un banalissimo atteggiamento prolassante del lembo anteriore ( peraltro non più descritto nel dicembre 2010).
Quindi si tanquillizzi.
Arrivederci
Cecchini