Utente 543XXX
Gent.mi dottori, ho 33 anni e scivo per un problema che mi attanaglia da un mese circa. Infatti sono circa 30 giorni che ho i seguenti disturbi (con intensità più o meno variabile - di norma assente al risveglio la mattina): 1) dolore al pene e ai testicoli, più che dolore fastido, senso di pesantezza; 2) senso di disagio anche nella zona anale come se dovessi frequentemente evacuare ma non è così; 3) leggero bruciore al glande dopo la minzione; 4) calo delle prestazioni sessuali. Il mio medico curante mi ha preventivamente diagnosticato una cistite e mi ha prescritto del MONURIL. Con tale medicinale devo dire che la situazione è migliorata ma non risolta. Leggendo su vari forum mi è venuto il sospetto possa trattarsi di prostatite! Avete qualche consiglio da darmi e, quali sono i problemi seri cui si va incontro?. Grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Bevilacqua
20% attività
0% attualità
0% socialità
SANTA MARIA CAPUA VETERE (CE)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
i sintomi che riferisce effettivamente orientano verso un problema prostatico .
Si rivolga ad un dermo-venereologo, una accurata visita integrata da esame colturale del liquido spermatico e/o del succo prostatico previo massaggio,ed esami stumentali ecografici ecc,potranno orientare meglio la diagnosi e terapia.
cordialità
Dott. Maurizio Bevilacqua
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Lettore,la esperienza quotidiana di un andrologo é ricca di casi come il Suo,che vedono coivolti sia l'apparato urinario che quello genitale,di cui la prostata,che produce il 40% del liquido seminale,é parte integrante.Il coinvolgimento della sfera sessuale testimonia la necessità che la diagnosi sia fatta a 360 gradi e,quindi,preveda una visita specialistica andrologica che analizzi l'integrità del meccanismo neuro-vasculo-ormonale che partecipa al determinismo della funzione erettile.Va da sè che,al di là delle eventuali patologie flogistiche,urinarie e/o prostatiche,é importante conoscere lo stile di vita (alimentazione,fumo,alcol, metodo contraccettivo etc.) che,alla Sua età,molto frequentemente, condiziona una serena vita sessuale.Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 543XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mi dottori, per prima cosa grazie del tempestivo interesse. Ieri sera ho fatto una prima visita che avevo prenotato. Il medico mi ha prescritto una urinocoltura con antibiogramma e stamattina ho portato il campione ad analizzare. Avrò la risposta venerdì pomeriggo. Inoltre il medico mi ha prescritto un antibiotico Ciproxin 250, 2 volte al giorno, per 5 giorni e un altro farmaco di nome "Serpens" da prendere dopo cena per 10 giorni. Volevo solo precisare, in relazione alla risposta del dr. Izzo che ciò che mi preoccupa è prorio il fatto di non aver mai fumato, di seguire un'alimentazione regolare, quindi priva di eccessi. Anche per quanto riguarda l'alcol, non bevo - nemmeno il vino - eccetto qualche aperitivo un paio di volte a settimana. Faccio molto sport tipo palestra, corsa, nuoto. Mi preoccupa un po' il fatto di andare spesso anche in bici, ho letto che potrebbe creare il problema da me presentato. Per quanto concerne i metodi contraccettivi, preciso che ho sempre usato il profilattico, qualche volta il coito interrotto - ma raramente. Inoltre, non credo sia attinente, ma posso dire che l'unica variante, per così dire, alle abitudini sessuali, con la mia nuova partner, è del sesso orale che prima praticavo raramente mentre adesso con frequenza. Tale modifica abitudinaria può rappresentare un problema per la situazione da me descritta?
Grazie mille per l'interessamento.
[#4] dopo  
Utente 543XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mi dottori scrivo i risultati dei primi esami che ho sostenuto.

Ho sostenuto una visita urologica il cui preliminare esito non ha risontrato problemi alla prostata o rettali. L'urologo mi ha preventivamente diagnosticato la presenza di una piccola cisti al testicolo dx tranquillizzandomi comunque sul fatto che non dovrebbe essere la causa dei miei disturbi. Mi ha altresì rilevato la presenza di un frenulo breve.
dagli esami prescritti è risultato:
1)Urinocoltura negativa.
2)Analisi del sangue nella norma tranne ematocrito ed emoglobina di poco bassi (rispettivamente 37,9 e 13).
3)Esame urino tutto nella norma e tutti i valori assenti trane una specific "MUCO - NUMEROSI FILAMENTI";
4)Ecografia addome completo e testicoli - nessun rilievo tranne la conferma della piccola cisti al testicolo dx.

Devo dire che i miei sintomi, in special modo il dolore/fastidio ai testicoli è pressochè scomparso. Sto continuando la cura antibiotica (solo SERPENS).
Avrò la visita di controllo tra pochi giorni..nel frattempo potrei approfittare della vostra gentilezza per capire cosa può significare la presenzza di MUCO?...e il frenulo breve...mi consigliate di eseguire il semplice intervento per l'allungamento?

Grazie in anticipo..