Utente 144XXX
Buongiorno dottore
io ho da 3 anni le punte delle dita delle mani PERENNEMENTE ROSSE e fredde.Spesso,anche d'estate (per quanto l'essere perennemente gelide possa essere quasi una fortuna),mi si gonfiano.D'inverno a volte mi si intorpidiscono.Ho una sensazione di freddo che coinvolge però la parte SUPERIORE della mano.Si vede benissimo la differenza di colore,la mano "rosa",la zona delle unghie rossissima!Mi ero quasi abituata alla cosa ma quest'anno noto che la zona "rossa" si sta spingendo più in avanti del solito,inoltre ho avuto 2 episodi di blocco totale della circolazione su una falangetta di un dito....mi sono spaventata parecchio.Poi l'ho tenuto al caldo ed è passato,però non so che pensare..oltretutto vedo lo stesso fenomeno presentarsi anche agli alluci.Ai tempi la dottoressa mi aveva detto che era il fenomeno di Raynaud "probabilmente".Però dai sintomi mi sembra non corrispondere del tutto....vorrei un parere.....è un fastidio
[#1] dopo  
Dr. Enrico Cappello
20% attività
0% attualità
8% socialità
BENEVENTO (BN)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2011
gentile signora,
il caso clinico da lei posto ,vista anche la sua giovane età e per come lei lo descrive, sembra trattarsi di un fenomeno di Raynaud. tale patologia presenta vari gradi e può colpire le dita delle mani,dei piedi o entrambe.
è un fenomeno vasospastico legato all'esposizione al freddo o in generale alle variazioni di temperatura.
è necessario escludere l'associazione di tale fenomeno con altre patologie reumatiche. nella maggior parte dei casi è un fenomeno a se stante e necessita di una terapia sintomatica specifica che varia da caso a caso e da paziente a paziente.
il consiglio più semplice è quello di ridurre le esposizioni al freddo e contrastarlo con l'uso di guanti idonei.
dovrebbe recarsi a visita da un chirurgo vascolare o angiologo o reumatologo per intraprendere una terapia specifica ed escludere altre malattie reumatiche.
[#2] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
A quanto giustamente consigliato dal Collega mi permetto di aggiungere la opportunita' di escludere con certezza la concomitanza di malattie infiammatorie sistemiche ad impronta "reumatoide" con opportuni test di laboratorio (da ripetere eventualmente piu' volte) e di estendere la protezione a tutto il corpo oltre che alle estremita'.
Condivido il parere di sottoporre la sua condizione alla valutazione di uno Specialista.