Utente 238XXX
Gentile dtt.,
mio figlio di 5 anni ha effettuato la procedura di vaccinazione per parietaria fino al flacone numero 3. Avrebbe dovuto iniziare con il flacone di mantenimento, ma non è stato possibile a causa di vari problemi. Essendo scaduto il periodo massimo di 4 settimane dall'ultima iniezione, volevo chiederle se è il caso di procedere comunque con l'iniezione del flacone di mantenimento o se sarebbe il caso di sospendere la cura. O in alternativa quale altra soluzione mi propone?
La ringrazio anticipatamente,
saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
…se l'interruzione non è stata causata da contingenze mediche del picclo (influenza, infezioni o altre terapie)direi che è il caso di continuare..magari somministrando piccole dosi (0,15-0,20 ml) piu' ravvicinate a distanza di 15 gg e poi riprendere la sequenza temporale iniziale.Questo è il periodo migliore per l'immunoterapia specifica per la parietaria. Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 238XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dr. Langella,
intanto la ringrazio per la gentilezza e la celere risposta.

Rileggendo il messaggio che ho scritto precedentemente, mi sono accorto di aver scritto un'inesattezza. La data dell'ultima iniezione è il 22/12/2011 e il richiamo successivo sarebbe dovuto essere il 26/01/2012 in base agli intervalli stabiliti dal mio medico. Ad oggi non è stato ancora iniettato, perché in attesa dell'arrivo del flacone. Quindi i giorni dall'ultima iniezione, ad oggi, sono 48 e non 4 settimane come avevo detto prima.
In questo caso, mi conferma quello che ha scritto nel precedente messaggio?
La ringrazio ancora,
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
..si fondamentalmente vale cio'che Le ho già detto con le stesse modalita'. Io in verita' e a maggior ragione con questo freddo ai miei pazienti soprattutto pediatrici consiglio comunque in aggiunta qualche spray nasale o bronchiale o meglio ancora aerosolterapia almeno un paio di volte a settimana (non fanno male ed aiutano sia a controllare l'infiammazione che ad ottimizzare la somministrazione del vaccino). Al suo piccolo in attesa del vaccino soprattutto vale la pena tenerlo coperto con un po' di terapia. Cordiali saluti.