Utente 125XXX
Salve dottore, sono un ragazzo di 18 anni e per 10 anni ho svolto un'attività sportiva a livello agonistico senza mai avere alcun tipo di problema. Ricordo che avvertivo sporadiche extrasistole ma erano molto lievi e di breve durata, a volte appena percettibili. Da circa 4 anni non pratico più sport ed ho iniziato a soffrire di disturbo da attacchi di panico. Avvero spesso extrasistoli che mi spaventano molto, due anni fa facendo un ecocardiogramma mi hanno diagnosticato un prolasso mitralico; le scrivo il referto "In rs tachicardico. Vsn non dilatato e di normali spessori parietali, normocinetico. Non evidenti anomalie doppler a livello Ao, radice aa non dilatata, Tracce di IM, atrio sn e sezioni d s nei limiti. Setti apparentemente intergri. Minima IP" Questo è ciò che ha scritto il cardiologo che mi ha visitato. Il medico mi ha detto di stare tranquillo che è un lieve "prolassetto". Ha parlato anche di "banale" insufficienza mitralica. Posso stare tranquillo? Volevo sapere anche se il prolasso mitralico è una malattia diffusa.
La ringrazio in anticipo, cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Il Suo ecocardiogramma è sostanzialmente normale. Un atteggiamento prolassante di uno dei lembi mitralici è un reperto ecocardiografico estremamente frequente, forse in più della metà della popolazione.
Quindi, si tranquillizzi e, se vuole, riprenda pure l'attività sportiva!