Utente 155XXX
Gentili Dottori
Da diversi mesi soffro di un dolore al petto sx.
Ho effettuato molti controlli:visite cardiologiche,ECG ,tac coronarica,ecocardiogramma ,due ECG da sforzo l'ultimo pochi giorni fa ,il tutto non ha evidenziato nessuna patologia,solo un leggero ingroassamento del ventricolo sx,in ogni caso entro i parametri.
Oggi sono andato a correre per 1 ora percorrendo circa 10km,a meta' della mia corsa ho iniziato ad avvertire il dolore al petto sx, non così forte da farmi fermare e neanche una sensazione di stanchezza più forte tali da indurmi a fermarmi,infatti ho finito il mio allenamento senza problemi. Una volta fermo il dolore e' diminuito rimanendo solo una sensazione di fastidio lieve.
Vi chiedo ho fatto due test da sforzo con il ciclo,non hanno evidenziato nulla,non sono attendibili?
Perché la corsa mi produce questo dolore e il ciclo no?
Questo dolore può essere di origine muscolo-schelettrica ?
O cardiaca?
Può essere un dolore muscolo-schelettrica che si verifica in questa condione di sforzo o può essere il cuore che solo in queste condizioni accusa?
Perché ECG da sforzo non ha evidenziato nulla? E anche tutti i controlli e visite?
Quale atro controllo posso fare per avere una parolo definitiva su questo mio strano sintomo?
Può essere il ventricolo sx che crea problemi?
Quali controlli fare per chiudere in modo definitivo questa storia e guardare verso probabili fastidi muscoli-schelettrica?
Vorrei infine ringraziare voi tutti che dedicate il Vs tempo per aiutare tanti come me che non riescono a trovare soluzioni ai propri problemi fisici!!!
Grazie Grazie Grazie
Cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se lei ha eseguito ECG da sforzo ed addirittura una TC coronarica (a 40 anni...) con esito negativo, mi pare di poterla tranqulliamente rassicurare.
L'aumento del ventricolo sinistro (come dice lei, non specificando se sia un aumento del volume, dello spessore delle paretri o di entrambi) invece deve essere seguito nel tempo perche', nei decenni a venire potrebbe crearle problemi).
Del resto lei esegue un'attivita' sportiva non indifferente ne' salubre per il suo cuore.
Lo sforzo che si esegue correndo o pedalando e' diverso in termini di ritorno venoso e quindi di pre-carico
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 155XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dott
Cosa significa in termini pratici e immediati sul corpo la sua spiegazione fra pedalare e correre.
Mi scusi ma non ho capito,potrebbe spiegarmelo.
"pre carico"?perché c'è differenza,i battiti a cui e' sottoposto il cuore non sono uguali?
grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non c'e' solola frequenza cardiaca come termine di paragone nello sforzo. Se lei fa uno sforzo di un certo livello nuotando od arrampicandosi su una parete rocciosa o su una bicicletta i termini del lavoro cardiaco cambiano notevolmente, perché' seconda del tipo di esercizio riduce od aumenta la quantità' di sangue che dalla periferia va verso il cuore.
Comprendo che sono concetti piuttosto difficili da spiegare e da comprendere e che forse esulano anche dallo scopo di questa rubrica.
Si ricordi solo che troppo sport non ha mai giovato ad alcun cuore.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 155XXX

Iscritto dal 2010
Grazie
Cordialmente