Utente 244XXX
Salve sono un ragazzi di 18 anni e vorrei delucidazioni sul mio stato di salute, innanzitutto premetto che sono un ragazzo molto ma molto anzioso,
Io faccio calcio da 6 anni a livello agonistico, ho svolto molte visite medico-sportive per attività agonistica e fino a qualche settimana fa non avevo mai riscontrato nessun problema. Invece a inizio marzo per rinnovare il mio certificato agonistico all'ECG sotto sforzo (quello di 3 minuti sullo scalino, non quello sulla bicicletta), è comparsa sul risultato dell'ECG un'extrasistole ora non ricorda se ventricolare o sopraventricolare. Il mio medico mi ha detto subito di non preouccparmi e che vedendomi molto teso, quasi sicuramente dipendeva dalla mia ansia e dal mio stress e che prima di rilasciarmi il certificato per attività agonistica avrei dovuto fare tre esami:
Ecocolordoppler cardiaco
Test cicloergometrico massimale
Holter delle 24 H

Il test cicloergometrico massimale ,senza sottoporle i risultati(se lei li vuole conoscere non ci sono sono problemi), non ha riscontrato alcun problema, nessuna extrasistole, nessuna insufficienza, anzi il medico mi ha detto che sono arrivato al 92 % della soglia teorica massima delle mie possibilità cardiache e mi ha trovato molto allenato.
Per il test Holter ancora devo conoscere i risultati, per lunedì dovrei saperli. Fino a quì nessun problema.
L'ecolordoppler, sempre senza sottoporle tutti i risultati, i quali vengono tutti definiti normali, tranne uno. Il problema riscontrato è: "Aumento dello spessore del SIV medio(12,9 mm) di dubbia interpretazione". Il mio cardiologo mi ha detto che questo di solito accade negli atleti professionisti super allenati e che forse sarebbe opportuno se mi fermassi per pochi mesi, per poi risvolgere questo esame. Ha detto che parlerà con il mio medico sportivo che mi farà sapere. La mie domande sono semplici: è preoccupante il mio stato di salute? Potrò tornare a giocare a calcio? E' raro questo problema in persone "sane"? Accetto tutte le delucidazioni possibili e vi ringrazio anticipatamente.
A presto
Luigi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La risposta dell'ecocolordoppler indica che il suo cuore ha pareti piu'spesse del normale 8il limite in un soggetto giovane e seano e' 11 mm.
Tale ipertrofia e' il tipico risultato di chi esegue attivita' sportivo in maniera intensa e continuativa.
Non e' che l'interruzione di qualche mese riduca l'ipertrofia del ventricolo sinistro, ovviamente.
Il problema e' che il cuore di atleta, come si sul definirlo, in realta' non e' un cuore ...sano.
In altre parole il nostro cuore e' stato creato da madre natura per fare un lavoro di un certo tipo, modesto, come entita'; se noi pretendiamo troppo dal muscolo cardiaco questo si "adegua" all'elevato carico lavorativo ed aumenta lo spessore delle pareti.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 244XXX

Iscritto dal 2012
Grazie della risposta, quindi la soluzione: NIENTE PIù ATTIVITà AGONISTICA? Se fosse così, non sarebbe facile da accettare, ma quello che mi interessa di più è: ci sono ripercussioni nella vita di tutti giorni?
La ringrazio ancora dottore
arrivederci
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L'agonismo non fa bene ad alcun cuore, mentre l'attivita' fisica e' raccomandabile.
Nessuna ripercussione, ovviamente, nella vita quotidiana.
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 244XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio dottore per la risposta e per il servizio che offrite.