Utente 245XXX
Gent.mo dottore, abbiamo già una figlia di 6 anni. Stiamo cercando un altro bambino da 2 anni e mezzo ma senza risultati.

Abbiamo fatto degli esami e l'unica cosa emersa è la prostatite di mio marito. vorrei sottoporle i volori dello spermiogramma prima della cura:

Volume:0,6
liquefazione a 30:completa
viscosità: normale
colore: biancastro
odore:normale
ph: 7,8
N.spermatozoi totali: 15.600 000
spermatozoi/ML 26.000.000
emazie: assenti
cellule rotonde/ML 800.000
leucociti/ML
Cellule epiteliali assenti
motilità: dopo 60 minuti
spermatozoi mobili 54%
progressiva rettilinea 3%---lenta 39%------debole----12%
esame morfologico: spermatozoi normali: 11%
abnormi:89%
anomalie testa:79%
tratto interm. 7%
coda. 3%

osservazioni: ipoposia.Non possibile test di capacitazione per ridotto volume eiaculato.

Mio marito stà effettuando una cura con bassado (15 gg) e con ciproxin (14 gg).
Vorrei sapere cosa pensa di questi valori e se presuppone che vi sia una correlazione con la difficoltà a concepire. Inoltre vorrei sapere se la cura le sembra adeguata e se può essere associato carnitene per migliorare la situazione.

Diversamente, una IUI con questi valori sarebbe possibile?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettrice,

è molto verosimile che la attuale situazione seminale possano essere imputabili alla prostatite che può causare il ridotto volume seminale.

in tali limiti, il test di capacitazione da cui dipende la percorribilità per la IUI non è stato possibile eseguirlo.

ritengo giusto che si valuti la terapia antibiotica...ma solo visitando è possibile convenire con tale schema terapeutico.

perciò consiglio di affidarsi ad un esperto andrologo che sappia fare il punto della situazione su tutto con voi.

cordialità
[#2] dopo  
Utente 245XXX

Iscritto dal 2012
Gent.mo Professore, mi scusi per il ritardo nella risposta: avevo problemi nel collegamento.
Desidero ringraziarLa per il consulto.