Utente 187XXX
mio marito 53 anni impiegato che svolge attività fisica consistente in una corsetta giornaliera di circa 1 ora e che è in trattamento da 5 anni con TRIATEK 5MG per problemi di pressione arteriosa ed è solitamente bradicardico con F.C. 50/60- colesterolo totale 226-HDL 45, la settimana scorsa a svolto i seguenti accertamenti cardiologici:
ECG da sforzo: test interrotto per elevati valori di pa 225/105 F.C. 131-non aritmie ne alterazioni ST-T-non sintomi-test negativo per ischemia.
ECOCARDIOGRAMMA:Aorta tricuspide normale (B36-TT31-Arco31)-
Atrio sinistro normale 38 mm-
Mitrale Rigurgito lieve da fibrosi dei lembi-
Ventricolo e atrio dx normale-
Tricuspide live rigurgito-PAPS 29mmHg-Vena Cava inferiore normale e collassabile in inspiro-
VENTRICOLO SX: Lieve ingrandimento DD57 DS36 con lieve ipertrofia delle pareti (Falsa corda tendinea adesa al setto che sovrastima lo spessore) SS12PP11 e normale funzione sistolica regionale e globale FE 66% pattern diastolico normale
La cardiologa visto un iniziale danno d'organo a svolto monitoraggio PA 24 ore con esito: di media 131/79 rilevando però che nella fase notturna non vi è calo ponderale ma bensì rimane sopra la media.
Ha aggiunto mezzo diuretico IGROTON 25 mg. ed un controllo tra 6 mesi, dicendo di continuare pure con la sua attivià fisica, di utilizzare un cardiofrequenzimetro e non superare FC 130, mio marito proviene da famiglia con problemi cardiovascolari il padre è deceduto a 69 anni di morte improvvisa ed all'età di 50 anni si era sottoposto a sostituzione valvola mitrale;
uno zio paterno è deceduto all'età di 50 anni per infarto;
sia la madre che gli zii materni hanno tutti problemi di pressione alta, diabete, problemi cardiovascolari.
Vorrei avere un suo parere in quanto sono preoccupata della situazione, è giusto che lui continui nell'attivià fisica, è il caso di effettuare altri accertamenti????, il medico mi ha detto che la patologia potrebbe anche regredire, è verò???
La ringrazio sentitamente per la risposta.
PS Mio marito in età giovanile esercitava i seguenti sport: Karate-Roccia faceva numerose scalate-Immersioni subaque potrebbero avere inciso per la ipertrofia delle pareti????


[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività +40
0 attualità +0
16 socialità +16
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
le indicazioni datale dalla collega sono giuste, l'attività fisica è utile infatti, non solo per il mantenimento di una certa performance cardiaca, ma anche per bruciare i grassi in eccesso. In effetti, sarebbe utile che suo marito ponesse una maggiore attenzione alla dieta, evitando per quanto possibile i grassi animali, ridurre l'utilizzo del sale e bere molto.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2010
Vorrei avere più chiarimenti relativi al problema cardiaco dell'ipertrofia ventricolare, è una cosa pericolosa? Può evolvere in qualcosa di + importante? Grazie
[#3] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2010
Chiedo gentilmente ad un cardiologo che mi venga fornito un parere alla mia richiesta di cui sopra. Sono un pò preoccupata della situazione
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività +40
0 attualità +0
16 socialità +16
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Non ha nulla di cui preoccuparsi, la lieve ipertrofia è legata allo stato ipertensivo, che va però adeguatamente trattato.
Saluti
[#5] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio sentitamente per la risposta