Utente 248XXX
salve sono alla 23 settimana di gravidanza, e mi hanno riscontrato aneurisma del setto interatriale con sospetto forame pervio; vorrei chiedere se l'esame delle microbolle transcranico può essere nocivo al feto in qualche modo e se nel caso risultasse un passaggio tra i 2 atri se è prudente partorire in modo naturale o se si necessita di un parto cesareo. 10 anni fa, a 28 anni, ho avuto un ictus cerebrale e mi è stata diagnosticata iperomocisteina e mutazione in omozigosi del gene MTHFR
grazie mille per la risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'esame non è di certo controindicato in gravidanza, nè tantomeno potrà influire sul feto. In genere già l'assenza di un evidente shunt all'esame ecocardiografico è un risultato da ritenere positivo. Di certo, visto il suo precedente ictus, è indicata una terapia antiaggregante, da assumere di certo dopo il parto.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 248XXX

Iscritto dal 2012
gentile dottore grazie per la celere risposta. Attualmente sto assumendo cardioaspirina ed a breve passerò ad eparina a basso peso molecolare. lei pensa che sia prudente partorire naturalmente?
grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Ciò dovrà esser valutato dal suo ginecologo, però se le sue condizioni sono buone, soprattutto i suoi valori pressori, penso che non vi siano problemi per un parto naturale.