Utente 253XXX
SALVE,ho subito un intervento il giorno 3 maggio 2012 di riduzione e sintesi per una frattura scomposta al 5°metacarpo della mano sinistra. Mi è stata applicata durante l'intervento una placca interna con delle viti.Ora sono trascorsi 25 gg dall'intervento e circa 10 gg fa ho levato anche i punti di sutura applicati al termine dell'intervento. questa mattina sono andato a fare i raggi e mi è stato refertato questo:"OSTEOSINTESI METALLICA CON PLACCA E VITI METALLICHE IN SITU,IN BUON ALLINEAMENTO E NON CONSOLIDATA,DI PREGRESSA FRATTURA DIAFISARIA DEL V METACARPO DI SINISTRA". Ora vorrei sapere se significa che la frattura non è ancora calcificata e quando potro' iniziare la fisioterapia di recupero; inoltre vorrei sapere in cosa consiste la fisioterapia poichè dal medico dell'ospedale che è un ortopedico generico e non specializzato nella mano mi è stato indicato di cominciare a stringere una pallina di spugna di quelle del beach tennis per favorire il movimento dell'arto,(anche se non so se sia corretto farlo poichè ancora non si è calcificato l'osso) ma ancora ho parte della mano gonfia in particolare nella zona del mignolo. Cosa mi consigliate di fare? Inoltre vorrei sapere quanto tempo genericamente passa prima che si recupera pienamente. GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la valutazione del callo osseo è fondamentale ai fini della decisione circa l'inizio e l'entità della kinesiterapia da fare.

Va vista una radiografia aggiornata.

Utile, per accelerare la calcificazione del callo osseo, è la magnetoterapia, specie quella domiciliare (8 o più ore al giorno).

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 253XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la sollecita risposta ma cosa si intende per magnetoterapia domiciliare?
[#3] dopo  
Utente 253XXX

Iscritto dal 2012
e poi è giusto dover usare la pallina di spugna se l'osso non è ancora calcificato così come mi è stato detto di fare?
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
La pallina di spugna, a mio avviso, non è particolarmente utile.

Il punto, però, è che qualsiasi movimento delle dita, attivo o passivo che sia, presuppone una solida riparazione dell'osso.

Se la placca con viti è stata ben posizionata e pertanto la posizione dei due segmenti ossei è mantenuta ben ferma, si può iniziare una cauta FKT anche prima che il callo osseo sia formato.

Ma stiamo parlando di teoria.
[#5] dopo  
Utente 253XXX

Iscritto dal 2012
ok grazie.consideri che il dito anche se non ancora calcificato già lo piego. Ovviamente non tutto a fine corsa vado con un po' di fatica e dolore ma credo sia dovuto anche al gonfiore del dito stesso che persiste. che fare per far sgonfiare la parte interessata?
[#6] dopo  
Utente 253XXX

Iscritto dal 2012
il gonfiore è dovuto anche perchè faccio spesso movimento di apertura e chiusura della mano per accellerare il recupero oppure è un fatto normale? consideri che sono 12gg che ho tolto i punti.grazie
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
E' del tutto normale.

Un conto è muovere le dita, un altro è forzare il movimento.

Per forzare, bisogna essere sicuri che il callo sia abbastanza solido.