Utente 256XXX
Buongiorno,scrivo qui perchè sono disperato.
Sono un ragazzo di 38 anni con forti problemi psichici,ho momenti di panico ed aggressività,peso 154kg e sono alto 1 70,non riesco a lavorare poichè faccio fatica a fare ogni cosa,mi spaventa tutto da 2 anni a questa parte,
Non ho lavoro,vivo in casa con mia madre pensionata da 500 euro al mese,e non so come accedere ad una domanda di invalidità senza che debbo pagarmi tutte le visite che non ho soldi.A volte altero stati di siudicio e stati di voler punire coloro che mi sembrano colpevoli dell'indifferenza di questo mondo.
L'altro giorno avevo deciso di farla finita e sono andato su un monte qui vicino a casa mia e avevo deciso di lanciarmi nel burrone,e mentre stavo per farlo ho avuto un forte dolore alla testa che mi ha fatto accasciare al terreno.
Mentre ero in terra ho avuto un cambio repentino di volontà,e avevo deciso di far giustizia contro tutti quelli che mi avevano promesso aiuto e poi se ne sono fregati di me.Arrivato a casa ho preso un coltello della cucina e poco dopo lo posato poichè ho avuto come un momento di lucidità,un momento di illuminazione.
Ogni giorno assumo momentaneamente deparox in gocce che mi tiene tranquillo,e quando lo prendo mi sento bene,e ritorno ad ssere quello che sono sempre stato,
Mi domando una persona come me che vuole vivere non come un pezzente ed essere curato e non ne ha le possibilità economiche che può fare?
Vi prego di aiutarmi credo che questi momenti di lucidità non saranno molto frequenti,e molto spesso tante cose che faccio non me le ricordo,come se fossero cancellate,e la mia paura è che potrei farmi del male o peggio ancora fare del male inconscio di farlo.
Spero che potrete aiutarmi,me lo auguro davvero,non so dove ho trovato il coraggio di scrivervi ma spero che potrete indicarmi una via percorribile perchè sono certo che se non trovo un aiuto diventerò violento e me ne darò pure una giustificazione.
Grazie ancora se potrete aiutarmi

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Per quanto riguarda la cura con daparox non è chiaro se la faccia a periodi autogestendola o perché la interrompa. Deve essere seguita da un medico e soprattutto rivista se questi episodi si sono manifestati nonostante la stesse assumendo.

In quel che racconta non si ricavano dei vuoti nella ricostruzione, per cui non è chiaro il riferimento alle cose che non si ricorda, mentre il timore di poter commettere atti senza rendersene conto è un sintomo di solito di tipo ossessivo. Quel che racconta però sono atti che Lei riferisce come progetti che poi ha lasciato perdere, che ricorda bene.

Per quanto concerne il suo problema di obesità, Le è stata proposta e spiegata l'opzione della terapia chirurgica, dei vari tipi di intervento e dei risultati ottenibili ?
[#2] dopo  
Utente 256XXX

Iscritto dal 2012
Perdoni ma non ho avuto più modo di accedere in internet.

Sono andato al centro di salute mentale della mia zona nel quale sono in continuo consulto,ho prodotto certificazione medica della mia patologia,che é psicosi con stati di schizofrenia con cui sono in cura farmacologica di paroxetina e di invega,e poi ho la visita alla medicina legale del mio distretto dove ho fatto domanda tramite patronato. Il mio stato di massa corporea é di 56 e ho saputo che tra 21 e 40 mi pare che il punteggio di invalidità per quello stato sia fino al 40% mentre io arrivo a 56 solo con il peso,perciò mi chiedevo come potranno valutare l'ulteriore eccessività dello stato di massa corporea e la patologia psichiatrica ed a che tabelle pubbliche fanno riferimento queste valutazioni. Ci vuole il 46% per entrare nelle categorie protette,ed il 76% se non erro per l'assegno di invalidità,che percentuale potrei avere con queste patologie da me indicate? Rientrerei quanto meno nelle categorie protette?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

"psicosi con stati di schizofrenia " è una diagnosi poco chiara. Se è schizofrenia non c'è bisogno di specificare psicosi, e non esistono gli "stati di schizofrenia", si tratta di una malattia cronica.
Già la schizofrenia da sola può corrispondere ad una invalidità totale.
Per quanto riguard l'obesità, per valutare la gravità al di là del peso corporeo c'è l'insieme delle conseguenze che comporta: metaboliche, cardiovascolare, osteoarticolari, ovvero se è obesità con danni o condizioni di alto rischio già in atto oppure semplice obesità senza complicazioni.