Utente 210XXX
Gentili dottori,
sono un ragazzo di 21 anni, alto circa 1,83 per circa 73 kg. Non fumo, non faccio uso di droghe ne bevo alcolici. Faccio molta attività fisica: vado a correre 2-3 volte alla settimana, gioco a basket, calcetto e da poco ho iniziato ad andare in palestra, a un livello molto leggero.
Premettendo che sono un tipo piuttosto ansioso, circa 6 mesi fa sono andato dal mio medico per alcune palpitazioni durante il giorno; dalla sua visita non è risultato niente di anomalo.
In seguito durante la visita medica per l'attività agonistica di pallacanestro il dottore mi ha prescritto un ecodoppler per un sospetto "doppio battito".
La visita effettuata circa 3 mesi fa ha evidenziato un lieve prolasso della mitrale con minimo rigurgito protosistolico (tutto il resto nella norma).
Dopo l'ecodoppler il medico mi ha consigliato di ripetere l'esame dopo un anno o due, senza bisogno di preoccuparmi.
Ultimamente però le palpitazioni che prima erano sporadiche sono aumentate di numero.
Ora le ho ogni giorno, sia a riposo che durante l'attività fisica. Preciso che NON sono seguite da nessun sintomo quale nausea, debolezza, sensazione di svenimento...
L' aumento del numero delle palpitazioni (anche durante l'attività fisica) è da ritenere preoccupante? Può essere segno di un eccessivo stress fisico? Dovrei eseguire ulteriori accertamenti o legare il fatto a un fattore emotivo e non preoccuparmene più del dovuto?
Ringrazio in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Faccia un holter delle 24 ore, magari proprio quando si allena. E' il modo migliore per studiare le extrasistoli. Cari saluti