Utente 596XXX
salve,da due anni ho difficoltà a mantenere l'erezione.dopo qualche mese sono andato in visita da uno specialista che mi ha fatto fare una serie di analisi ed è uscito fuori che i valori di prolattina erano troppo alti.il dottore mi disse che poteva dipendere da questo.dopo una risonanza magnetica per sospetto tumore con esito negativo ho cominciato ad assumere dostinex.dopo quattro mesi avendo i valori di prolattina nella norma ho sospeso le compresse ma il problema di erezione è rimasto.da qualche mese sono in cura da un altro specialista e dopo aver ripetuto tutte le analisi di nuovo,mi ha detto di prendere il dostinex per due mesi.adesso io vorrei capire cosa fare.mi fido di questo medico ma se qualcuno di voi puo' dirmi qualcosa in piu' sarebbe meglio.ormai sono stanco e vorrei vivere la mia vita di coppia come tutte le persone normali.amo la mia ragazza,ma se non risolvo il mio problema non posso pensare ad una vita matrimoniale con lei.aiutatemi.grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
in effetti il rialzo della prolattina può essere reponsabile nell'uomo di disturbi a livello dell'erezione.
Nel suo caso è opportuna una considerazione: è possibile che talvolta il ripristino di valori normali dell'asse bio-neuro-endocrinologico non coincida di per sè con il ripristino di una sessualità priva delle problematiche che le alterazioni in questione hanno determinato. Questo perchè, specie in sessuologia, la complessità dei meccanismi implicati non è spesso ascrivibile ad un rapporto lineare di causa-effetto. D'altra parte è necessario avere un quadro il più esaustivo possibile dei fattori scatenanti il disturbo.
Nel suo caso dovrebbe prevedere:
- screening e consulenza andrologica (con esami volti ad escludere ulteriori componenti organiche del disturbo)
- screening e cosnulenza psicosessuologica (volta ad esaminare i possibili fattori concausali di insorgenza e/o mantenimento del disturbo).
Cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore se l'iperpolatttinemia è stata corretta non vedo perchè debba continuare ad assumere il farmaco di cui sopra, forse è il caso di effettuare altri accertamenti diagnostici per escludere una disfunzione erettiva psicologica.

Cordiali saluti
Dott.Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
[#3] dopo  
Utente 596XXX

Iscritto dal 2008
cari dottori,vi ringrazio per l'attenzione.il problema è che i valori della prolattina tornano normali ma appena sospendo il dostinex si rialzano.forse dovrei prolungare per un periodo maggiore l'assunzione del farmaco?potrbbe poi esserci un condizionamento psicologico?cmq tutti gli esami da me sostenuti escludono altre cause organiche.aspetto gentilmente risposta.cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
ribadisco il concetto di fondo che è necessario per una diagnosi e un trattamento adeguato un approfondimento complessivo che tenga conto degli eventuali aspetti inerenti la sfera emotiva e psicologica.
Cordialmente