Utente 265XXX
Salve, sono un ragazzo di 22 anni, durante una visita dall'andrologo mi è stato riscontrato un varicocele sinistro di terzo grado secondo Sarteschi, il medico che mi ha visitato mi ha consigliato di operarmi. Tuttavia sono un po' perplesso, soprattutto dopo che ho scoperto che si può anche avere per tutta la vita e non provare né dolore né avere problemi di fertilità.
In particolare volevo sapere una cosa che non sono riuscito a capire, se l'intervento non venisse effettuato rischierei di avere qualche problema nel futuro che non è più possibile risolvere?
Nel senso: il medico mi ha suggerito di fare l'analisi del liquido seminale che farò a breve, però qualora risultasse tutto nella norma, visto che io ora come ora non provo dolore o altri fastidi c'è qualche motivo per cui fare l'intervento adesso e non più avanti, se mai ci saranno gli eventuali problemi? Vi ringrazio in anticipo per le risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
Le rispondo molto chiaramente una varicocele a 22 aa va operato perchè se sopraggiungono alterazioni nel senso di una infertilità, qs sono perlopiù irreversibili.
L'intervento è banale ed in Day Surgery: di conseguenza (il costo vale il beneficio").
E' cmq vero che alcuni soggetti con varicoceli non hanno problemi di infertilità ma Lei è certo di far parte di qs categoria di soggetti?
Cordialmente
[#2] dopo  
Prof. Ugo Bertoldo
24% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Buona sera , le rispondo in qualità di chirurgo vascolare, in quanto il varicocele è una patologia anche di competenza della mia specializzazione.


Molte persone ammalate di varicocele non accusano nessun sintomo , come nel suo caso.
Presumo che le abbiano fatto la diagnosi con un ecodoppler ed una visita.
I disturbi principali consistono fondamentalmente nel dolore e nell'infertilità

Il dolore è dovuto all'eccessiva pressione del sangue all'interno delle vene che vanno incontro alla dilatazione soprattutto nelle stazione eretta, nell'attività sportiva o facendo sforzi che comportino l'aumento della pressione addominale, ad esempio sollevando pesi.

Non so quale terapia le abbiano consigliato, ma sicuramente saprà che le tecniche sono fondamentalmente due:
La prima è la scleroembolizzazione percutanea ed è una procedura di Radiologia Interventistica, la seconda è l'intervento chirurgico che viene eseguito dal Chirurgo o dall'Urologo.

Il varicocele determina un aumento della temperatura del testicolo che può portare ad una sofferenza nella produzione e nella funzionalità degli spermatozoi, anche se tale evento non è costante. Infatti giustamente le è stato richiesto di fare una valutazione del liquido seminale.
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

un varicocele sinistro non dovrebbe essere operato " sic et sempliciter" ma solo se determina disagio al paziente, se induce una riduzione volumetrica del testicolo, se si associa o determina variazioni del liquido seminale tanto da poter creare problemi di fertilità.
Il fatto che si tratti di una procedura chirugica semplice non dovrebbe essere considerata come elemento per "operarsi comunque" ma piuttosto come elemento da valutare in sede di staregia terapeutica da parte dello specialista coinvolto.
Raramente, è vero, ma esistono anche le complicanze della terapia chirurgica o radiologica del varicocele
Cari saluti
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera avere informazioni più dettagliate su questo particolare ma complesso tema andrologico, anch'io aggiungo le mie riflessioni e le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo da me pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-fare-problemi.html .

Un cordiale saluto.
[#5] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2012
Salve, non so se ci sarà la possibilità che qualcuno legga questo messaggio a distanza di tempo, però ho effettuato lo spermigramma e alla fine mi è stato scritto oligospermia che da quanto ho capito indica una bassa concentrazione di spermatozoi. Premettendo che fra pochi giorni sentirò anche il mio andrologo, volevo sapere se, secondo il vostro parere, si potrebbe evitare di operare. Effettuando magari un controllo periodico (tipo ogni 6 mesi?)
[#6] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
l'intervento, magari in radiologia interventistica, va eseguito
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

verificata la dispermia, eventualmente con secondo esame fatto in laboratorio dedicato, l'indicazione del collega Mallus, è corretta.

Cordiali saluti.
[#8] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2012
Scusate un'ultima domanda, che ho dimenticato di fare al mio medico, ho visto che dopo l'operazione è meglio stare a riposo ma per quanto tempo? (indicativamente) e soprattutto per riposo si intende stare a letto o posso anche andare all'università senza magari fare sforzi particolari?
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Per riposo si intende non fare attività fisiche o sportive estreme ma, dopo 15 gironi dall'intervento, praticamente può svolgere una regolare e normale vita attiva.

Cordiali saluti.