Utente 483XXX
Buona sera,
mia figlia di 3 anni e mezzo ha avuto reazione allergica al pesce e agli anacardi per cui abbiamo fatto una visita allergologica con prick test che ha dato conferma dell'allergia al pesce ed è risultata positiva anche per gli acari della polvere (per gli anacardi non è stato possibile farlo, ma, ci è stato prescritto il Test Isac e Rast per il prossimo controllo).
Il test cutaneo per gli acari ha dato un risultato di 5x5, ma, io sino ad oggi non ho mai riscontrato in mia figlia alcun segno di reazione. L'allergologo mi ha detto che ciò è possibile, ma, di fare comunque un minimo di prevenzione ambientale specie nella sua camera e non ha prescritto alcun tipo di farmaco.
Invece la pediatra visto l'esito del prick test ha prescritto 7 gocce di Formistin ogni 24h per almeno 2 mesi a scopo preventivo in quanto andiamo verso l'autunno ed è più facile che si verifichi una reazione avversa alla polvere.
Visto che l'allergologo non mi ha prescritto alcun medicinale mi sorge il dubbio se sia davvero utile somministrare l'antistaminico.
Mi farebbe piacere ricevere il Vostro parere in merito.
Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Molte persone e molti bambini sono allergici (da tests) ma non manifestano segni o sintomi di malattia.Ciò comporterebbe a mio avviso una medicalizzazione inutile di sua figlia (tra l'altro a scopo preventivo di che visto che l'antistaminico è un sintomatico e non cura la malattia di base). Altro è se ci troviamo di fronte ad una bambina con segni misconosciuti anche lievi; per esempio è comune in questi bambini allergici un "raffreddore " subcontinuo, respirazione a bocca aperta, faringotonsilliti ricorrenti, tosse, " occhi rossi ", tutti segni/sintomi che spesso vengono interpretati " da freddo " minimizzando invece la possibilità di una componente allergica. Per la verità, secondo la mia esperienza è improbabile non avere proprio nessuna manifestazione (anche se è possibile), ma ritengo comunque che eventuali terapie (e comunque non l'antistaminico!) debbano avere un razionale medico e debbano essere valutate caso per caso. Se il suo allergologo in base all'anamnesi ed alla visita non ha ritenuto opportuno prescriverle farmaci probabilmente sua figlia non ne ha bisogno. Lei in qualità di mamma continui semplicemente a tener d'occhio eventuali manifestazioni ed a riportarle quando sarà al suo medico. Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 483XXX

Iscritto dal 2007
Gentilissimo dott. Langella la ringrazio molto per la sua chiarissima risposta e se posso ancora approfittare della sua disponibilità vorrei chiederle se ritiene utile l'uso nella camera della bambina di un apparecchio (di cui non so se posso fare il nome) che come dice la casa produttrice "funziona emettendo ultrasuoni che interrompono il ciclo alimentare e riproduttivo degli acari della polvere. In questo modo, il numero di acari in circolazione negli ambienti, e quello degli allergeni che producono, diminuiscono drasticamente".
Grazie e cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Sinceramente non ritengo tale presidio essenziale ed indispensabile come invece per esempio l'uso di fodere per cuscino e materasso e l'allontanamento dalla camera da letto di tutti i ricettacoli di polvere. E' un'opinione personale, qualcuno potrebbe non essere d'accordo ma comunque e'sempre meglio di non far nulla. Cordiali saluti e felice giornata.