Utente 602XXX
Salve a tutti
Premetto che non sono sicuro di aver scelto la specialita' medica per questo problema...e sinceramente non so nemmeno dove possa collocarsi...
Da vari anni ho notato che ho sempre le mani fredde anche quando e' caldo.
Questo problema se non ricordo male mi sembra di averlo riscontrato dopo essermi sviluppato (fino a 15anni ero basso, dopo 1 anno e mezzo sono cresciuto di circa 20cm)
ora ho 24 anni e questo problema continua a persistere...
Esiste una soluzione a questo problema? Mi hanno suggerito di prendere delle pastine di canfora...

Grazie
Ivan

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Pietro Mingazzini
24% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
carissimo Ivan

Si tratta probabilmente di una malattia di Raynaud o di un fenomeno di Raynaud,ovvero di uno spasmo delle piccole arterie della mano. La prima è una affezione benigna, simmetrica che inizia alla fine della seconda decade di vita. Le donne sono più colpite degli uomini. Il freddo e gli stimoli emotivi sono i fattori che scatenano la risposta nelle dita.La seconda è secondaria ad altre affezioni come le malattie del collageno,l'artrite reumatoide,sindrome dello stretto toracico, oppure conseguenza di alcune attività lavorative( scalpellare, usare una perforatrice pneumatica ecc.) Di solito non è necessaria una terapia,ma è prudente consultare uno specialista per escludere malattie del collageno o altro.
Cordiali saluti
Pietro Mingazzini
[#2] dopo  
Utente 602XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille dottore
Volevo chiedere un'ultima cosa, un po di tempo fa mi fu consigliato di assumere della canfora in pastine, secondo lei puo' essere utile oppure non servirebbe a nulla?
Grazie ancora

Ivan
[#3] dopo  
Dr. Pietro Mingazzini
24% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
carissimo Ivan

sicuramente esistono rimedi che appartengono alla cultura locale,ma che non rientrano nei protocolli internazionali. Personalmente non conosco il rimedio a te consigliato.Nel dubbio mi asterrei.
Cari saluti

Pietro Mingazzini