Utente 388XXX
Sono un uomo di 83 anni con pregressa ima e diabete mellico che ha subito nel 1997 un intervento di by pass coronarici e nel 2007 un intervento di ernioplastica bilaterale. Sono sotto cura con glibomet 1/2 cp + 1/2 cp, cardiospirin 1 cp, unipril 1 cp, selectil 1/2 cp, mepral 1 cp, terazosina 1 cp. Ho eseguito di recente un holter con la seguente conclusione: ritmo sinusale con frequenza cardiaca tra 35 e 116/minuto. bav di 1 grado, 2' tipo mobitz, bav di alto grado. Frequenti extrasistoli sopraventricolari isolate. alcune extrasistoli ventricolari ripetitive in coppie e brevi runs di tachicardia ventricolare non sostenuta. FC media 66 bpm Fc min 40 bpm Fc max 116 bpm. Il medico mi prescriveva l'intervento per l'applicazione del pacemaker. Premesso che tale risultato confermava precedente holter eseguito nel 2007 nel quale il cardiologo non ritenuva necessario nessun intervento, richiedo un vs. consulto sull'eventuale necessita' di questa applicazione in considerazione che attualmente non lamento nessun dolore o sintomo di affaticamento, cammino regolarmente tutti i giorni per circa 7-8 km, mangio regolare in relazione anche al mio diabete, non bevo e non fumo, non ho nessun altro disturbo se non l'eta' avanzata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Aniello Ascione
24% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile Signore,
non praticando terapia con farmaci che riducono la frequenza cardiaca o che provocano blocco av,consiglierei di rivolgersi ad un centro cardiologico di elettrostimolazione per valutare l'impianto di pace-maker.
cordialmente,