Utente 136XXX
Salve egr. dottori
Volevo illustrarvi alcuni sintomi che si presentano da alcuni tempi a questa parte. Ho già scritto diversi post dove lamentavo sopratutto deficit erettile e che quindi evito di rimensionare. Questo mi ha portato a fare tutti gli esami seguito da un andrologo che ha catalogato il problema come psicogeno. Le erezioni notturne ci sono e di ottima consistenza e durata per quanto io possa valutarle, durante la masturbazione invece l'erezione è più difficile a volte incopleta se non prima dell'eiaculazione. Vorrei esporvi alcuni sintomi che forse ho sottovalutato e che non so bene da quanto perdurino. Premetto che tutti gli esami svolti ( esami urina e urinocultura, spermiogramma e spermicultura, esami del sangue e ormonali) non hanno messo in evidenza nulla di particolare se non la presenza di alcuni leucociti a detta dei dottori di scarsa rilevanza. Ultimamente ho notato con evidenza alcuni fastidi che vi elenco:
- erezione debole
- eiaculazione debole e a volte con poco liquidi
- fastidio nella zona tra ano e testicoli se resto troppo seduto
- alcuni giorni urino spesso (circa 10 volte al giorno), pur bevendo sempre la stessa quantità di volte, a volte in un arco di tempo inferiore alla mezz'ora. La quantità di urina quasi sempre abbondante sopratutto quando bevo qualcosa di diverso dall'acqua (anche se si tratta di succhi di frutta)
- negli ultimi mesi un fastidio persistente al basso ventre al lato sinistro che si attenua dopo aver defecato (la defecazione una volta al giorno, al massimo due, avviene quasi con puntualità svizzera come orario ed è difficile da trattenere) ed è meno evidente se faccio del moto. Tale fastidio in alcuni periodi si estende (se pure non in modo continuativo) alla zona dell'nterno coscia sinistra e al testicolo sinistro e a volte nella zona lombale.
Da un esame eco addome completo sono state evidenziate alcune calcificazioni alla prostata ( nulla di allarmante a detta del medico) e alcune cristallizzazioni nella zona renale per la quale mi è stato consigliato di bere di più.
Per un breve periodo l'andrologo mi aveva consigliato un antinfiammatorio (flaminase) e un antibiotico per qui leucociti. In quel periodo ho notato delle ottime erezioni durante la masturbazione ma non so dirvi se è stato solo un caso.
Detto questo vorrei un parere sui sintomi elencati.
Grazie per la cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
di qua non possiamo fare diagnosi di alcun genere, ma molto suggestivo il fatto che con antibiotici le cose siano migliorate e di molto, dando idea di un possibile fenomeno infiammatorio prostatico. Detto questo consiglierei un attenta rivalutazione, chje le prostatiti tendono a recidivare, magari accompagnata da un test di stamey: esame urine prima e dopo massaggio prostatico.
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
in merito all'antibiotico in passato ho avuto una reazione allergica al clavulin. Mi è stato prescritto il Tavanic 500. Ho dimenticato di mensionare questo dato quindi chiedo se fanno parte della stessa classe di antibiotici oppure posso assumerlo senza problemi?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
non sono della stessa classe. assuma pure.
[#4] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio infinitamente
Saluti