Utente 279XXX
Salve a tutti.
Da lunedì sera (attorno alle 21 circa) ho iniziato ad avvertire un battito cardiaco irregolare, ma non era una condizione continua infatti avveniva più o meno ogni cinque minuti circa. Durante questo battito il cuore sembrava pulsare più forte e accelerato per tre battiti, per poi tornare al battito normale fino al successivo battito "alterato".
Spaventato ho misurato pressione e battito cardiaco, non sapendo cosa altro fare, i valori erano 130/80 con 118 battiti (per lo spavento suppongo, nelle misurazioni successive tale valore si è assestato su 80).
L'indomani non ho più avvertito alcun disturbo, almeno fino alle 21. In questo orario non faccio nulla di particolare se non stendermi sul letto per leggere un libro oppure guardare qualche film sul pc. Ciò è avvenuto anche nei giorni successivi, almeno fino ad oggi.
Aggiungo inoltre che, quando mi distendo in posizione prona per andare a dormire, tale battito sparisce completamente e ritorna regolare, lasciandomi dormire tranquillamente.

Non so se sia correlato ma vi faccio sapere che da qualche giorno ho iniziato a sviluppare un appetito che prima non avevo e che mi porta a mangiare anche verso mezzanotte (nonostante pranzo e cena sostanziosi). Aggiungo questo dettaglio perché già una volta mi è stato trovato un "problema" al cuore (un soffio al cuore, per essere precisi) durante un periodo di appetito fuori dal normale, che mi è stato detto si tratta di una cosa normale essendo in periodo di crescita. Non intendendomi di malattie ho pensato che potrebbe anche questo essere un problema dovuto allo sviluppo.

Grazie in anticipo per gli eventuali consulti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
il suo disturbo sembra esser secondario a problemi digestivi e non di certo cardiologici. Ne parli al suo medico curante per eventuali approcci terapeutici.
Saluti