Utente 271XXX
Salve, ho già chiesto in precedenza in questo sito un consulto riguardo a un lieve prolasso della valvola mitralica che mi era stato diagnosticato qualche anno fa e devo dire che le risposte dei medici sono state precise e coincise. Ora espongo un problema che mi affligge da circa 4 mesi. Intorno alla metà di agosto mi sono cominciate a venirmi queste fastidiose extrasistole che non mi lasciavano neanche per un secondo e mi hanno portato anche a fare un giretto al pronto soccorso, dove naturalmente non hanno trovato nulla. Sono andato dal medico di famiglia che mi ha consigliato di fare una visita cardiologica e degli esami del sangue, inclusi quelli per la tiroide. Tutti gli esami sono andati bene, e il cardiologo mi aveva detto che queste extrasistole sono dovute al prolasso e più possono essere accentuate da stati ansiosi o di stress (devo dire che sono un tipo un po' ansioso e ipocondriaco). Infatti il mese successivo avevo degli esami per l'ammissione all'università e il cardiologo aveva detto che le extrasistole potevano essere scaturite da quest'ultimo. Tuttavia dopo aver fatto il test e aver saputo de essere passato le extrasistole non sono diminuite. Sono diminuite solamente quando ho cominciato ad a frequentare le lezioni, ma ancora oggi le sento ancora, cosa che mi sta stancando. Così mi sono recato di nuovo dal cardiologo che mi ha fatto fare un holter delle 24 ore. Visto che ho sentito sempre lo stesso cardiologo, che mi dice che queste extrasistole sono "più fastidiose che pericolose" volevo sapere un vostro sapere sul referto dell'holter:
Ritmo sinusale tendenzialmente tachicardico durante le ore diurne (fc media diurna 91 bpm notturna 54 bpm).
Qui apro una parentesi perché devo dire che questa fc media elevata secondo me è dovuta alla camminata di circa 3/4 km che faccio ogni giorno per arrivare all'università.
Fasi di bradicardia sinusale durante la notte (fc media 37 bpm). (1)Episodi di tachicardia sinusale (fc max 171 bpm) durante attività fisica (camminata). Normale conduzione A-V. (2)Turba della conduzione I-V dx. Assenza di attività ectopica sopraventricolare. Frequenza battiti prematuri ventricolari monomorfi isolati, anche con cadenza bi-trigemina (dal referto leggo: Battiti ectop.: isolati 1300 1.2%, coppie 0 e salve 0; Bi & trigemin: 5 & 10; Tachicardia: 0). Assenza di pause. Non modificazioni significative del tratto st-t.
Volevo soprattutto sapere se i punti (1) e (2) sono nella norma e se questi "battiti prematuri ventricolari monomorfi isolati" possono essere pericolosi. Inoltre, come ho detto prima, il medico ha detto che queste extrasistole sono generate dal prolasso e che devo conviverci, ma allora mi chiedo perché per 19 anni sono stato bene ed ora, da un giorno ad un atro, mi sono cominciate a venire?
Attendo una vostra risposta,
Grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
stia a sentire i consigli del collega che la segue, il numero e il tipo di extrasistoli registrate è effettivamente abbastanza basso da non dar luogo a particolari problemi.
Saluti