Utente 284XXX
Salve a tutti,
sono un ragazzo di quasi 21 anni.
Soffro di una ipersensibilità al glande, soprattutto alla sua base.
Questa si manifesta con dolori quando si prova a sfregare il glande scoperto. Basta un dito e mi fa male.
Sono stato da un andrologo che non mi ha trovato infiammazioni ne niente.
Mi ha consigliato di continuare a sfregare il glande per desensibilizzarlo...
Beh dopo 2-3mesi ancora non sento nessun miglioramento...
Volevo quindi chiedere se avevate dei consigli...
Avevo pensato di scoprire il glande e tenerlo scoperto nelle mutande per due settimane per abituarlo al tatto... secondo voi è una buona idea? o ci sono delle controindicazioni?
grazie mille in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

credo di avere già risposto ad una domanda simile alla sua, la ada a consultare e veda se le sue domande trovano risposta
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 284XXX

Iscritto dal 2007
Il fatto è che ho anche cercato nelle altre domande ma non ho trovato quello che cercavo...
Una volta si è detto che era consigliato e una volta no... quindi non so...
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

l'IPERSENSIBILITA' del GLANDE non è un capitolo che termina con una terapia univoca:

esso è un quadro complesso e multi - fattoriale che possiede potenzialmente aspetti dissimili fra loro i quali spesso sono dissimili fra loro:

la visita Venereologica (con l'esperto di cute e mucose genitali) ad esempio, può divenire un buon viatico per la determinazione di una caso del genere: in tale sede difatti sarà possibile validare od escludere le condizioni muoc-cutanee competenti conun quadro del genere, cui seguiranno ulteriori approfondimenti eventualmente validati su scelta del medico che è preparato per affrontare una situazione del genere.

la soluzione del problema non è quasi mai immediata o di semplicissima gestione (bisogna essere subito chiari, diffidare dalle soluzioni "tascabili" o "spicciole") ma assime al Medico si potrà chiarire tutti gli aspetti ed impostare una terapia a lungo termine in grado di soddisfare le esigenze di salute del paziente.

cari saluti