Utente 564XXX
Salve! Sono un ragazzo di 26 anni da circa un mese ho rapporti sessuali con una nuova patner.(premetto che prima la mia attività sessuale prima di questa risale a 6 anni fa e a dir la verita non avevo molto di questi problemi da allora la mia attivita era limitata alla sola masturbazione)
A parte qualche rara occassione soffro di eiaculazione precoce: a volte solo all'ingresso del pene nella vagina sento una "superstimolazione" del glande e dopo 2-3 spinte ho già bisogno di eiaculare. Nella masturbazione arrivo anche all'eiaculazione rapidamente.
Devo dire che spesso ho dei fastidi ai testicoli quando cammino o quando sono seduto non so se questo può essere un indizio diagnostico.
Ho provato i profilattici ritardanti ma con scarsi risultati, su internet si legge di esercizi particolari oppure di un derivato della paroxetina.
Voi del campo che sapete dirmi??

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,
prima di pensare ad una delle tante strategie terapeutche utilizzate per risolvere questa disfunzione sessuale molto diffusa, bisogna cercare di capire la causa del suo problema. Visto che in passato non aveva problemi potrebbe anche trattarsi anche di un fattore organico.
La sua "giovane" età dovrebbe spingerla a conoscere finalmente , se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia. Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente ,alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.
Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile lettore.
l'ejaculazione precoce è un problema estremamente comune soprattutto nei giovani con una quantità di cause alla base.
L'utilizzo della categoria dei farmaci che ha citato è uno dei trattamenti previsti ma ciò non può naturalmente prescindere da una valutazione andrologica. Può essere anche l'occasione per conoscere, come suggerito dal Dott. Beretta, il suo andrologo, per approfondire questo problema e per escluderne altri. Un check andrologico per la sua salute sessuale ma anche anche per quella riproduttiva è ormai imprescindibile come lo è per le ragazze che lo mettono in pratica ormai da molti anni.

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
un altro consiglio utile, se vuole avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale, è quello di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=27950. Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org
[#4] dopo  
Utente 564XXX

Iscritto dal 2008
Ho letto il post del Dott.Beretta, sicuramente vedro di approcciarmi al più presto ad un medico andrologo(anche se i tempi della sanita italiana sono eccessivamente lunghi) per escludere delle cause organiche, anche se la mia paura e quella di entrare in un circolo vizioso psicologico che magari amplifichi problematiche che siano che sono emerse a seguito di un priodo di stress o comunque dovuto al fatto che comunque sono le prime prestazioni sessuali che ho con questa perosona dopo una storia abbastanza travagliata e molto desiderata.

Vi ringrazio.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
proprio per non entrare in "questo circolo vizioso" bisogna consultare un esperto andrologo , senza perdere altro tempo prezioso.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org