Utente 285XXX
gentili dottori,
riassumo brevemente la mia storia sperando di capire i motivi di alcune situazioni presentatesi...
sono un "ragazzotto" di 30 anni, sposato da tre anni (mia moglie 27 anni) e alla ricerca di un figlio da quasi un anno e mezzo.
a seguito di uno spermiogramma eseguito per indagini sul mancato concepimento, mi diagnosticano una AZOSPERMIA. ripeto dopo 15 l'esame ed il risultato è di 1,4mil/ml. faccio tutte le visite e gli esami possibili ed immaginabili senza arrivare all'origine del problema) e ci dedichiamo anima e soprattutto corpo alla pma.
abbiamo fatto tre tentativi con eccellenti risultati embriologici, ma nessuna gravidanza in essere...
nel frattempo succede una cosa strana...quei maledetti spermini piano piano aumentano e cosi da 1,4 diventano 2,6mil/ml...da 2,6 diventano 7,5mil/ml fino a stbilizzarsi intorno ai 9,5Mil/ml su un volume totale di 3 ml.
nell'ultimo tentativo di pma il valore del mio spermiogramma è stato di 9,5mil/ml(volume totale di 3 ml), motilità 55% e vitalità 66%. il test di capacitazione su 1 ml è stato di 5 milioni di spermatozoi "buoni" con motilità e vitalità intorno al 90%.
volevo ricordare che il motivo per cui ci siamo avvicinati alla pma è stata la rarissima concentrazione di spermatozoi, ma alla luce di questi miglioramenti, vorrei chiedere innanzitutto che cosa sta succedendo e poi se una gravidanza spontanea fosse cosi tanto difficile...

grazie per chi vorrà rispondere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
purtroppo in alcuni casi il mancato concepimento può anche non dipendere dalla qualità dello spermiogramma. Come spesso affermo la fertilità non la fa il singolo esame alterato ma la coppia. Ovvero esiste tutta una lunghissima cascata di eventi che culminano con la fecondazione. Basta una minima alterazione o una non coincidenza di tale cascata che il processo non va a buon fine. Quando ci si trova di fronte a situazioni come la sua la causa vien definita "idiopatica" ovvero senza causa dimostrabile influenzata ovviamente dalla evidente alterazione dello spermiogramma.
[#2] dopo  
Utente 285XXX

Iscritto dal 2013
innanzitutto grazie della risposta...
volevo ancora chiedere :
- lei al mio posto dopo tre tentativi falliti di cui uno con 2 blastocisti definite da "atlante" dall'embriologo e una situazione apparentemente come lei definisce idiopatica, cosa farebbe?
- il mio seminale è cosi compromesso da escludere un concepimento naturale?

ancora grazie.
[#3] dopo  
Utente 285XXX

Iscritto dal 2013
innanzitutto grazie della risposta...
volevo ancora chiedere :
- lei al mio posto dopo tre tentativi falliti di cui uno con 2 blastocisti definite da "atlante" dall'embriologo e una situazione apparentemente come lei definisce idiopatica, cosa farebbe?
- il mio seminale è cosi compromesso da escludere un concepimento naturale?

ancora grazie.
[#4] dopo  
Utente 285XXX

Iscritto dal 2013
innanzitutto grazie della risposta...
volevo ancora chiedere :
- lei al mio posto dopo tre tentativi falliti di cui uno con 2 blastocisti definite da "atlante" dall'embriologo e una situazione apparentemente come lei definisce idiopatica, cosa farebbe?
- il mio seminale è cosi compromesso da escludere un concepimento naturale?

ancora grazie.
[#5] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
In queste situazioni sta alla coppia decidere se perseverare con queste metodiche nonostante le possibilità di insuccesso o abbandonare il tutto.
Man mano che il tempo passa le probabilità di concepimento diminuiscono ed è difficile quantizzarl in termini numerici.