Utente 303XXX
Buonasera. Ho 19 anni e ho una malocclusione di 2a classe piuttosto marcata. Ho portato l'apparecchio fisso classico per 8 anni, per risolvere un problema di allineamento dei denti e di riposizionamento dell'arcata superiore, piuttosto avanzata rispetto a quella inferiore, senza ottenere risultati soddisfacenti. Gli incisivi dell'arcata superiore sono visibilemente inclinati in avanti. Tra l'altro ho sempre avuto un palato stretto e ogivale, ma lo specialista che mi ha seguita non ha pensato di intervenire in maniera mirata sul problema. Ad oggi sono ormai consapevole del fatto che il mio problema non sia solo dentale ma soprattutto osseo. La mia mandibola è visibilmente retrocessa, ho il mento chiaramente sfuggente, sempre se di mento si può parlare, sembra inesistente! Ciò mi causa dei problemi nella masticazione (non riesco a chiudere la bocca se non forzandola, e tutta la pelle del mento mi si corruga), nella respirazione (ho anche il naso deviato) e psicologici ( mi sento a disagio, ho un profilo convesso, naso sporgente e mento arretrato). Ho effettuato una prima visita presso un ambulatorio di chirurgia maxillo-facciale e mi si è prospettata la possibilità di intervenire chirurgicamente, per risolvere definitivamente il problema. A luglio dovrei iniziare la cura ortodontica pre-operatoria. Sono piuttosto convinta della scelta ma vorrei avere maggiori informazioni riguardo: la durata dell'intervento; la dinamica dell'intervento; i rischi che si possono correre; il percorso di recupero post-operatorio; quali possono essere gli effetti a lungo termine; tra l altro, è possibile.intervenire in un unica seduta operatoria sulla malocclusione e sulla deviazione del setto nasale? Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
le Sue domande dovrebbe in realtà porle ai sanitari che la seguiranno nel percorso chirurgico.
Per quanto riguarda la durata dell'intervento, se si parla di intervento a livello mandibolare, è opportuno considerare circa 1 ora.
Per la dinamica ed i rischi che si possono correre, dipende molto dalle metodiche utilizzate.
Il percorso di recupero post-operatorio è piuttosto breve, in genere sui 30 gg ma anche in questo caso dipende molto dalle metodiche.
Gli effetti a lungo termine dovrebbero essere migliorativi sulla funzionalità mandibolare.
Intervenire in un'unica seduta operatoria sulla malocclusione e sulla deviazione del setto nasale è possibile, ma significa prolungare l'intervento e anche sommare il disagio dei due decorsi post-operatori.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la sua risposta esaustiva.Mi rivolgerò ai medici della struttura dove sarò seguita per maggiori dettagli, come da lei suggerito. Grazie ancora.