Utente 315XXX
Buongiorno,
da ormai 3 anni soffro di questo problema, che per quanto leggero possa sembrare mi condiziona parecchio la vita sessuale.
3 anni fa, da un momento all'altro, ho iniziato ad avere dell'ipersensibilità al glande e a vedere la punta arrossata nelle immediate vicinanze del frenulo.
Ho fatto fare immediatamente tutti i controlli del caso, visite da 2 specialisti, urocolture, spermacolture, tamponi (che mi hanno provocato quasi uno svenimento dal dolore/bruciore interno) ecc.. risultato: tutti negativi; gli specialisti di riferimento si sono arresi.
In corrispondenza ho iniziato ad avere problemi di eiaculazione precoce, perdita frequente di erezione e dolori/bruciori che penetravano nell'uretra; dopo l'eiaculazione invece dolori e contratture all'asta del pene (credo si chiami così la parte rigida sotto il pene in erezione) fino alla sua base e al perineo.
Da allora non ho più effettuato controlli per frustrazione e ho avuto una partner unica, quindi situazione stabile.
E' capito sporadicamente di veder fuoriuscire del siero dall'orifizio dell'uretra che non capita più da parecchio, di avere dei bruciori durante la minzione e soprattutto ho SEMPRE dolori e bruciori fortissimi e persistenti se tiro il prepuzio e faccio andare in tensione la punta arrossata (qualsiasi cosa stimolti la punta arrossata irradia dolori all'interno).
Dopo i rapporti sessuali, quindi dopo sfregamento del glande, lo stesso diventa più chiaro e compaiono alcune macchiette rosse, che poi scompaiono dopo un po' di tempo.
Preciso che molti anni fa (credo una decina) ho avuto un problema di herpes al glande, poi curato e risolto; non vorrei che fossero dei rimasugli di allora.
Posso fornire foto del glande con macchiette su richiesta per un riscontro visivo.
I rapporti ora sono comunque poco piacevoli in quanto l'ipersensibilità mi fa concentrare l'attenzione solo sulla punta e ho la sensazione di avere un continuo sfregamento spiacevole che sfocia in rapporti troppo brevi; il mio orgasmo è cambiato, non arriva dalla base, dal piacere, ma dalla punta per lo sfregamento ipersensibile, ed è fastidioso.
Ho anche pensato all'accorciamento/irrigidimento e successivo gonfiore del frenulo ma ho bisogno di essere un po' guidato.
Ho perso gradualmente desiderio sessuale in questo periodo, dovuto alla paura del dolore del rapporto.
Partiamo dal presupposto che i controlli siano ancora tutti negativi e vediamo quali altre strade si possono seguire...
Grazie della sicura attenzione che riserverete al mio problema.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

alcuni spunti di riflessione e di possibile futura rivalutazione andrologica potrebbero essere le infezioni di natura virale avute e "l'accorciamento/irrigidimento e successivo gonfiore del frenulo", come da lei riferito.

Ma tutto questo deve essere attentamente valutato e discusso in diretta.

Senza ansie e d inutili drammi ora bisogna risentire il suo andrologo di fiducia.

Un cordiale saluto.