Utente 701XXX
Gentilissimi Dott.ri,
nell'ottobre scorso, accortomi di un ormai evidente tumefazione del testicolo sinistro (probabilmente non gli avevo dato peso, ma la cosa potrebbe essere iniziata circa 3/4 anni fa), mi sono recato dal mio medico curante che visitandomi ipotizzava un idrocele e richiedeva un'ecografia per conferma. Contemporaneamente rilevava anche un problema di varicocele e chiedeva anche un eco-color-doppler dei vasi spermatici.

L'ecografia ha prodotto questo referto:

"Didimi in sede, di forma e dimensioni nella norma, con ecostruttura a margini regolari. Normali appaiono gli epididimi. Plessi pampiniformi: presenza di lieve dilatazione bilateralmente. Presenza di idrocele di discreta entità a sinistra mentre è presente modica falda liquida a destra. Non immagini da lesioni focali."

L'urologo che ha effettuato l'esame mi ha detto che era impossibile per lui fare una diagnosi di varicocele perché questo poteva essere adirittura determinato dall'idrocele. Mi invitava quindi ad effettuare un esame del liquido seminale per fare una diagnosi differenziale e vedere se il presunto varicocele portava con se problemi.

Riporto i valori "fuori parametro" risultati dallo spermiogramma:

"
Alla 2a ora:
- Rettilina veloce: 28.2%; VSL media: 28.9; LIN media 0.77;
- Rettilinea lenta: 11.1%; VSL media: 18.6; LIN media 0.78;

Alla 4a ora:
- Rettilina veloce: 24.5%; VSL media: 30.8; LIN media 0.77;
- Rettilinea lenta: 9.7%; VSL media: 17.9; LIN media 0.79;

Forme atipiche: 60%

Leucociti: 1.100.000

Zone di spermioagglutinazione: alcune
Cellule epiteliali di sfaldamento: alcune
"

Come riferimento per le percentuali, la concentrazione per ml (nella norma) era di 89.000.000. Da notare che (forse per l'ansia) il giorno dell'esame ho avuto un'emissione piuttosto esigua (volume di 1,8ml su un valore di riferimento di 2 ml).


Arrivo al dunque: mi è stato detto che posso sottopormi con tutta calma ad operazione per l'idrocele (avrei pensato dopo l'estate) e che contestualmente "una volta aperto" sarebbe possibile provvedere seduta stante anche a risolvere il problema di varicocele (se presente, ovvero si vede lì per lì), senza effettuare un nuovo intervento.

È realmente possibile? È la strada preferibile? Quanto posso aspettare prima di decidere per l'intervento?

Vi ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente i due interventi si possono eseguire contestualmente, ovviamnete è consigliabile ripetere lo psermiogramma per avere una conferma di tali dati.
ovviamente non c'è tanta fretta però più si va avanti con gli anni minori saranno i benefici dell'intervento di varicocele
[#2] dopo  
Utente 701XXX

Iscritto dal 2008
Caro Dr. Quarto,
intanto La ringrazio per la cortese e veloce risposta,

poi vorrei approfittare della sua disponibilità per chiederLe ancora
che tipo di anestesia richiederanno gli interventi.

Ho letto che l'idrocele viene solitamente operato in anestesia spinale, mentre il varicocele in anestesia generale.

Da quello che ho capito per il varicocele non si interviene sul testicolo, ma si opera a livello del basso addome.

Devo quindi supporre che sarà trattato tutto in anestesia generale e che mi saranno praticate due operazioni "distanti" (una al testicolo e una al ventre) ?
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
dipende dall'operatore, io peresempio lo faccio anche in anestesia locale, si sono due tagli ma si possono fare anche contemporaneamente
[#4] dopo  
Utente 701XXX

Iscritto dal 2008
Per locale non intende spinale?

E per il fatto che siano due tagli, la strada dell'anestesia locale è comunque percorribile?

Eventualmente, essendo io così "sensibile" e ansioso, è possibile addormentare il paziente (ad esempio con un banale sedativo) in modo da procedere all'operazione in semplice anestesia locale?

Scusi l'insistenza.
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
tutto si può fare dipende dal chirurgo e dall' anestesista
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

la sua condizione dovrebbe, a mio parere, essere valutata con maggiore attenzione prima di prendere decisioni chirurgiche.
Un buon esame EcoColorDoppler testicolare è in grado di stabilire se esista o meno un varicocele.
A mio parere non è molto "corretto " intervenire su un modesto idrocele per "poi,magari....." correggere un varicocele eventualmente presente.
Anche l'esame seminale dovrebbe essere ripetuto più volte per poter definire la reale condizione della spermatogenesi e della potenziale fertilità
veda su MinForma IL VARICOELE
Per le altre domende, generalmente è possibile intervenire anche in anestesia locale. il numero delle incisioni è fattore secondario
cari saluti
[#7] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

la sua condizione dovrebbe, a mio parere, essere valutata con maggiore attenzione prima di prendere decisioni chirurgiche.
Un buon esame EcoColorDoppler testicolare è in grado di stabilire se esista o meno un varicocele.
A mio parere non è molto "corretto " intervenire su un modesto idrocele per "poi,magari....." correggere un varicocele eventualmente presente.
Anche l'esame seminale dovrebbe essere ripetuto più volte per poter definire la reale condizione della spermatogenesi e della potenziale fertilità
veda su MinForma IL VARICOELE
Per le altre domende, generalmente è possibile intervenire anche in anestesia locale. il numero delle incisioni è fattore secondario
cari saluti
[#8] dopo  
Utente 701XXX

Iscritto dal 2008
Caro Dr. Pozza,
chiederò allora di ripetere l'esame del liquido seminale e di eseguire un EcoColorDoppler più accurato.

Volevo comunque precisare che l'idrocele è tutt'altro che "modesto": non so che livelli possa raggiungere in letteratura, quindi in senso assoluto forse lo è, ma vi assicuro che in certi periodi ha raggiunto la dimensione di quasi 2/3 volte l'altro testicolo... Molto gonfio.

Essendo entrambi di Roma, puo' consigliarmi una struttura pubblica dove effettuare questi accertamenti in modo più scrupoloso di quanto fatto fin'ora?

Eventualmente, conosco la struttura dove lei opera in quanto una mia conoscente ha effettuato lì degli esami in convenzione, è possibile pagare il solo ticket anche per il mio problema (sia per un consulto che per l'operazione)?

Ringrazio entrambi.
[#9] dopo  
Dr. Gabriele Antonini
40% attività
8% attualità
16% socialità
SPAGNA (ES)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Lo spermiogramma dovrebbe effettuarlo in 5° clinica medica Policlinico Umberto I° prof.ssa Gandini
Meglio non si può
Saluti