Utente 528XXX
Salve,
vorrei porvi alcune domande.A mia cognata fu diagnosticato nel 1999 un cancro al cervello(all'epoca aveva 29 anni).Venne operata a Verona e dopo
un breve ciclo di chemioterapia successive risonanze diedero esiti confortanti tanto da sembrare fosse scomparso del tutto.Nel 2003 diede addirittura alla luce una splendida bambina.Purtroppo a maggio 2007 dopo una risonanza si notarono dei piccolissimi nuovi puntini che hanno portato i medici a consigliare un ciclo di radioterapia "leggera" che e' durato sino ad un mese fa circa,in quanto non riusciva piu' a sopportare le cure.Nel frattempo(ultimi due mesi) ha dovuto inmoltre subire numerosi trasfusioni in quanto i valori dei globuli erano sempre sballati.Oggi con mio fratello mi sono recato a ritirare l'ultima risonanaza e con grande sgomento il radiologo ci ha detto che la massa e' aumentata arrivando a 5 cm. dall'ultima visita.In questo momento penso possiate capire il mio stato,mi e' crollato addosso il mondo.A 9 anni dalla diagnosi, una gravidanza e un anno intero di cure credevamo almeno che rimanesse stabile.E' possibile ora (credo sia l'unica via)intervenire chirurgicamente o che altro?Dopo una prima operazione una seconda e' fattibile o i tessuti non lo possono permettere?Se e' cresciuto a questa velocita' in due mesi cosa dobbiamo aspettarci?la rassegnazione o qualcosa si puo' fare ancora?
Vi ringrazio di cuore per tutto quello che riuscite a fare e per la Vostra splandida disponibilita' ed umilta'.
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non è possibile esprimere una opinione in assenza di una diagnosi istologica del tumore primitivo e delle sue caratteristiche biologiche (tumore cerebrale ? metastasi ?, quale tipo di chemioterapia? quale tipo di radioterapia? sede della nuova lesione ecc ecc).
Che tipo di valutazione è stata fatta dai Suoi oncologi ?
Cordiali saluti