Utente 303XXX
Salve, precedentemente ho chiesto vari consulti per una sintomatologia ansiosa , che pensavo fosse riconducibile ad un disturbo psichiatrico . Circa 1 mese fa , però , conseguentemente ad un attacco vertiginoso che mi ha procurato una rovinosa caduta a terra, sono stato ricoverato in Neurologia . Sono stato sottoposto a tutti i controlli specialistici Neurologici, laddove non è emersa alcuna disfunzione, fatta eccezione un leggero dislivello tra forza del lato sx e dx a favore del lato destro , ho fatto RM midollo ed encefalo con esito negativo, ma ai potenziali evocati è emersa l'impossibilità di condurre la P100 sul nervo ottico ad entrambi gli occhi ( vorrei precisare, se serve, che mi sono operato circa 1 anno fa con Laser Prk, che mi ha restituito 10/10 di vista ad entrambi gli occhi, prima dell'intervento avevo 2/10 e 2,50/10) . Ci tengo a precisare anche che la mia sintomatologia ansiosa si basa proprio su disfunzioni Vestibolari, con vertigini, sbandamento , confusione e rallentamento nella memoria a breve termine . Attualmente sono in cura con una compressa di Amisulpride 50 dopo cena, ma vorrei capire se , effettivamente, può il nervo ottico provocare questa sintomatologia . In ospedale mi hanno consigliato una valutazione oculistica .
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
sono convinto che una valutazione oculistica molto attenta ci voglia
con esecuzione di esame OCT tomografia a luce coerente della testa del nervo ottico e campo visivo computerizzato
poi valuteremo insieme la cosa...
lei mangia tutto?
beve alcolici o super alcolici?
e' diabetico??
[#2] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Sisi io mangio tutto, bevo alcolici solo occasionalmente e in quantità moderate, non sono Diabetico anche se ho dei casi in famiglia . Quindi , Dottore, secondo lei la sindrome vertiginosa può essere ricondotta al nervo ottico ?