Utente 316XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 21 anni. Circa 3 anni fa ho effettuato una visita andrologica per sospetta fimosi, tuttavia il chirurgo mi ha semplicemente prescritto una crema cosrtisonica anche se a dir la verità quando ritraevo il prepuzio, c'era un restringimento evidente proprio sotto il glande anche abbastanza doloroso perchè era come se strozzasse il glande. Il dolore tuttavia non è praticamente più presente grazie probabilmente alla crema e soprattutto alla ginnastica prepuziale e al fatto che mi sono sforzato a tenere il glande scoperto anche durante la notte per rendere la pelle più elastica e il glande meno sensibile.
Ora vorrei farvi una domanda. Da circa 3 settimane tengo il glande sempre scoperto negli slip proprio perchè volevo ridurre l'ipersensibilità al glande (ed anche perchè lo preferisco dal punto di vista igienico) e devo dire che adesso riesco a tenerlo scoperto senza alcun fastidio benchè agli inizi (circa 3 anni fa, mi provocava un fastidio assurdo tanto che riuscivo a tenerlo scoperto al massimo 10 minuti, ma con tempo e pazienza sono arrivato a tenerlo scoperto senza alcun problema). Mi piacerebbe circoncidermi tuttavia non avendolo ritenuto necessario il medico, ho evitato anche perchè si tratterebbe di un intervento puramente estetico.
Il problema è che oggi ho notato sull'asta del pene poco sotto il glande come un piccolo rigonfiamento sotto pelle (a mio parere sull'asta) dalla forma irregolare, tipo una "zeta" per intenderci. Potrebbe essere dovuto al ristagno di liquidi nel prepuzio che di solito rimane un po' gonfio tenendo il pene sempre scoperto? Perchè dopo poco che ho coperto il glande è scomparso: è già successo anche altre volte comunque. Tengo a sottolineare che non ho avuto alcun dolore, solitamente ho solo il prepuzio un po' gonfio ma assolutamente nessun dolore.
Ringrazio chi vorrà rispondermi!
Cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,personalmente ho sempre avuto delle perplessità sull'utilità di "costringere" il prepuzio a "soffocare" il glande,ai fini della acquisizione di una maggiore elasticità in corso di erezione.Patisce la brevità del frenulo?Ha mai avuto rapporti coitali vaginali?
Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
1) No, anzi circa 7 anni fa mi si è lacerato il frenulo ma non mi sono rivolto al medico, la cosa si è risolta nel giro di qualche giorno. Al momento il frenulo si estende senza alcun tipo di problema o dolore. In poche parole riesco a tirare in già la pelle del pene estendendola completamente.
2) Si, ho già avuto rapporti.
In effetti ammetto che all'inizio è stato davvero faticoso e doloroso sforzarmi a tenere il pene scoperto, soprattutto di notte, però dal momento che l'andrologo mi aveva detto che non vi era alcun tipo di problema e quindi nessuna soluzione effettiva mi sono "arrangiato" a fare come potevo perché per quanto dicesse lui, durante l'erezione il pene risultava "strozzato" e non era una sensazione per nulla piacevole. Ora come ora devo dire di essere soddisfatto infatti mentre prima non riuscivo a scoprire con facilità il pene durante l'erezione adesso non ho alcun tipo di problema e non ho più quella fastidiosa ipersensibilità al glande. La mia paura è che tenendo costantemente il pene scoperto e quindi leggermente strozzato sotto il glande (pur senza dolore) ed il prepuzio in uno stato di gonfiore (seppur lieve) possa comportare danni al pene.
Cordialmente
[#3] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
un'ultima informazione. scusi l'ignoranza ma non sapendo chiedo: il fatto di tenere il pene scoperto può provocare microtraumi tali da causare induratio peni plastica? perchè ultimamente mi sembra che il pene sia indirizzato verso sinistra. probabilmente è solo dovuto alla posizione del pene negli slip ma preferisco avere conferma da chi è più esperto di me, per fugare ogni dubbio. (le premetto che proprio 2 settimane fa circa il mio medico di base mi ha visitato i testicoli doloranti a causa di un'infezione alle vie urinarie curata con antibiotico. Lui ha visitato principalmente i testicoli e allora non notavo tale "lieve curvatura" del pene verso sinistra, visto che è una cosa che noto da qualche giorno chiedo a lei per sicurezza).
Cordialmente