Utente 233XXX
Gentilissimo Dottore,
mi permetto di diturbarLa in quanto non so più come risolvere un problema di balanopostite che mi trascino da anni ed essendo di Milano ho avuto pareri molto positivi sulla Sua competenza.
Ho 46 anni e questa situazione mi crea non pochi problemi soprattutto nella normale vita sessuale. Non ho perdite o dolori durante la minzione, ho solo delle zone più o meno rosse (tra cui la punta) che con sfregamento, sudore etc... tendono ad infiammarsi maggiormente portando bruciore.
Negli anni sono stato visitato da molti dermatologi e da alcuni urologi, noti e meno noti, ho fatto tamponi uretrali, esami del sangue, sperma, test allergologici (cutanei) ecografia addominale e addirittura una biopsia al glande per sostanzialmente non trovare mai nulla di significativo e soprattutto senza diagnosticarmi mai la causa.
L’unica cosa degna di nota è che nell’Ottobre 2011 ci fu un risultato positivo ossia Ab anti-Chlamydia Trachomatis IgG … però sinceramente tutti i dermatologi visti successivamente non hanno ritenuto potesse essere la causa di questo mio problema infiammatorio cronico.
Non sono circonciso ma ho voluto provare a tenerlo scoperto per tanti mesi senza ottenere particolari miglioramenti.
Ora, l’ultimo dermatologo sostiene che trattasi di dermatite seborroica che, oltre in effetti a colpirmi lievemente altre aree del corpo, potrebbe avere intaccato la mucosa del glande ... Terapia: cicli di itraconazolo e crema cortisonica leggera al bisogno ...

Mi deve scusare davvero ma mi piacerebbe approfittarne per avere, se possibile, una Sua gradita opinione perché non vorrei aver tralasciato qualche possibile causa o esame che rientrasse nel Suo ambito professionale e nella Sua nota conoscenza .

La ringrazio infinitamente per l’attenzione e saluto cordialmente .

Davide

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

segua le indicazioni già ricevute, valutare quello che succede e poi ricordarsi sempre che, in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dottore La ringrazio davvero tanto per il parere.
Mi rendo conto che attraverso il blog non posso pretendere una diagnosi ma chiedo questa Sua opinione solo per non effettuare una nuova visita se poi in definitiva ho già escluso tutte le possibili cause ...
Sono decisamente molto scoraggiato, mi è stato anche detto "oramai abbiamo escluso tutto ... queste cose come arrivano vanno" ...
Mi perdoni quindi se Le chiedo, ad esempio, il fatto che sia stato rilevato anni fa quell'anticorpo IgG potrebbe ancora oggi essere la causa del mio problema? Oppure potrebbe esserci una causa urologica/andrologica che non è stata ancora contemplata ... ad esempio sembrerebbe che la mia prostata sia a posto a seguito delle analisi (sangue e sperma) e dall'ecografia effettuata quindi potrebbe esserci qualcosa di diverso che nonostante tutti i miei "pellegrinaggi" possa essere la causa del mio problema che purtroppo oggi devo definire cronico?
Mi deve scusare davvero e La ringrazio nuovamente per la pazienza ...
Cordiali saluti.

Davide
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

come già dettole, segua le indicazioni già ricevute e non effettui una nuova visita specialistica che potrebbe risultare superflua ed inutile.

Ancora un cordiale saluto.